SOLO-LOST.NET
Forum dedicato alla serie TV Lost
* Login   * Iscriviti

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Visitano il forum: Google [Bot] e 1 ospite


Regole del forum
-Qui verranno postati tutti gli argomenti inerenti alla 5° stagione ABC, gli utenti che posteranno SPOILER di episodi non andati in onda sulla ABC verranno Bannati da questo forum.
-Non commentate i trailer al di fuori del topic dedicato a loro.
-Se la conversazione richiede neccessariamente di parlare dei trailer o sneakpeek nei topic non dei trailer o sneakpeek usate il tasto spoiler.


Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 41 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Re: Teoria dei viaggi mentali
MessaggioInviato: mer feb 18, 2009 11:03 pm 
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Avatar utente
Non connesso

Iscritto il: mar feb 26, 2008 1:12 am
Messaggi: 1366
i'm a: Boy
Due premesse:

1) Mi spiace di non aver risposto prima ma purtroppo in questo periodo sono molto impegnato.
2) Volevo complimentarmi con Numbers aka Alessandro per le sue idee e teorie innovative: anche se ho avuto il privilegio di leggere una sua preview in PM, noto con piacere che anche la veste grafica è molto bella e l’oggetto del discorso molto scorrevole e comprensibile.

Detto questo, cerco di dare un piccolo contributo.

Devo dire subito che mi piace molto la spiegazione che Alessandro ha fornito sull’impossibilità della nascita dei bambini sull’isola:

4815162342 ha scritto
Se una nuova vita venisse concepita sull'isola potrebbe comportare un paradosso per la mancanza di un corrispettivo nel mondo reale. Se il bambino nascesse e tornasse nel mondo reale si avrebbe chiaramente un bel paradosso.
Infatti gli Others non risolvono il problema portando le madri nel mondo reale.
per poi tornare tranquillamente tutti assieme sull'isola.


Inoltre scrivi:

4815162342 ha scritto

Infatti per Ji Yeon il problema non è sorto perchè è nato nel mondo reale.

Andiamo per esempi pratici che forse riesco a spiegarmi meglio.

Se nasco sull'isola e torno nel mondo reale subito dopo essere nato tornerei nel passato.
Se tornato nel mondo reale morissi avremmo un paradosso perchè sarei morto prima di nascere.
[…]
Inoltre la morte nell'ultimo periodo di gravidanza conferma lo sfasamento temporale di alcuni mesi fra realtà(passato) e isola (futuro) come ipotizzato per il discorso Michael.
Lui può morire solo quando nel mondo reale si risincronizza con l'ultimo istante futuro passato sull'isola.



E’ una teoria audace, ma ci sono alcuni aspetti che vale la pena approfondire.

E’ molto probabile che Ben sappia praticamente tutto riguardo il comportamento del sistema Isola, ne conosce i misteri e, a quanto pare, le sue azioni sono “a volte” dettate più dall’egoismo che dal suo voler proteggere l’isola. Se questa teoria fosse esatta, sarebbe stato necessario portare le madri fuori dall’isola un mese prima del parto per salvare la vita anche al figlio, oltre che alla madre stessa. Ben questo lo avrebbe certamente saputo, ma può aver avuto il coraggio e l’egoismo di lasciar morire tante mamme innocenti? A quanto pare sì, sappiamo benissimo quanto Ben possa essere spietato, anche con l’alibi di agire per il “volere” dell’isola e di Jacob.

Ma il fatto che Ben fosse davvero molto preoccupato dalla possibilità che Alex potesse rimanere incinta, mi lascia perplesso sulla validità di questa teoria. Prima dell’azione del meccanismo della ruota, Ben conosceva le coordinate per lasciare l’isola stessa, le stesse utilizzate da Michael: quindi, nell’eventuale caso di una sua gravidanza, sarebbe stato sufficiente portare Alex momentaneamente fuori dall’isola per salvarle la vita.

Ma conosciamo Ben e sappiamo che avrebbe lasciato morire anche la figlia… anzi è proprio quello che ha già fatto!

La teoria è comunque molto interessante.

Riguardo lo sfasamento temporale tra Sistema Isola – Sistema Mondo reale, scrivi:

4815162342 ha scritto
L'isola potrebbe non essere nello stesso spazio tempo del mondo reale, cosa confermata anche dai vari discorsi sui Wormhole fatti in questo forum.

….ma comunque però lo scorrere del tempo è "sincrono" fra i due mondi


Esattamente, è quello che ho sempre sostenuto, ma:

4815162342 ha scritto
Quando Michael ritorna tramite la barca di Ben seguendo la rotta indicata (quindi credo che Ben sapesse già dei viaggi nel tempo e quantaltro...) a New York con Walt in realtà sta tornando nel passato di qualche mese.
Questi salti nel tempo sono dovuti al Wormhole.


Qui devo fare una correzione. I Wormhole permettono di collegare due punti dello spazio-tempo attraverso la deformazione dello spazio-tempo stesso: il risultato è quello percorrere la distanza che separa due punti (o due sistemi nel nostro caso) in un tempo misurato nel tunnel inferiore rispetto a quello che si misurerebbe fuori dal wormhole. Come conseguenza, il viaggio apparentemente di un’ora corrisponderebbe ad 1 giorno sia se misurato dall’Isola, sia se misurato dal sistema Mondo Reale (esempio del missile di Faraday)
Invece la differenza di tempo tra la dimensione isola e quella mondo reale ESISTE a prescindere dai wormhole. Il paradosso del dottore (puntata 4x09) ne è la prova:

Immagine


Come scrissi in altri luoghi, facciamo prima alcune assunzioni:

1. le onde radio sono contemporanee nei sistemi di riferimento e non subiscono ritardi o anticipi nelle comunicazioni (invarianza di Lorentz, si veda il topic sul Diario di Faraday)
2. I due sistemi Isola e Nave (mondo reale) sono connessi attraverso un wormhole, in cui ci si muove con regole temporali diverse rispetto al mondo reale
3. L’isola si trovava nel PASSATO rispetto alla nave (ovviamente prima di azionare la Ruota).

Per semplicità assumiamo che il dottore sia ucciso il giorno 22 dicembre. Per una fatalità, imbocca il tunnel e raggiunge la spiaggia, che però in questo caso è indietro nel tempo (e non nel futuro), supponiamo sia il giorno 21 dicembre. Faraday comunica alla nave che il dottore è morto, la comunicazione (contemporanea) arriva alla nave il giorno 21 dicembre, il dottore è ancora vivo ed ascolta la comunicazione. Supponiamo che il dottore decida il 21 dicembre di intraprendere il viaggio verso l’isola attraverso il wormhole. Ma per lo stesso ragionamento arriverebbe sull’isola il giorno 20 dicembre, quindi non potrebbe mai incontrare se stesso morto. Inoltre, se decidesse di andare sull’isola il giorno 21 dicembre, il 22 non potrà essere ucciso sulla nave e quindi non incontrerà se stesso sulla spiaggia il giorno dopo.

Conclusione: impossibilità della contemporaneità degli eventi in due sistemi differenti.

Se l’isola fosse stata nel futuro, ci sarebbe il paradosso. Infatti:
Il dottore viene ucciso il 22 dicembre, finisce sull’isola che però è nel futuro, supponiamo il 23 dicembre. Faraday comunica alla nave che il dottore è morto, la comunicazione è ascoltata il 23 dicembre ed effettivamente il dottore è morto da un giorno (del mondo reale). Quindi non si troverebbe sulla nave, al contrario di quello che abbiamo visto!

Ma una domanda nasce spontanea: la comunicazione radio avrebbe potuto salvare il dottore, modificando così il corso degli eventi? La risposta è NO, perché, come nonna Hawking insegna, l’Universo avrebbe trovato il modo di ribilanciare il destino (Charlie docet :;)2: ).

Ora pero, leggendo la precisione con cui Alessandro ha elencato le azioni di Michael, qualche dubbio mi sorge e devo ammettere che sto rivedendo i miei calcoli… Ma non riesco al momento a risolvere il paradosso del dottore se suppongo il mondo reale nel passato di un mese rispetto all’isola!

4815162342 ha scritto
Il giorno che dici te di differenza dell'esperimento del dottore è invece solo il tempo di percorrenza del Wormhole che non centra con la differenza di tempo fra i due sistemi spazio tempo mondo reale - isola.


No, non credo, per quello che ho scritto prima: è l’orologio solidale col povero dottore morto che, mentre attraversa il wormhole, scorre più lentamente… fuori il tempo non cambia…

Comunque complimenti, una teoria molto bella. :yes:

Riguardo invece l’imprinting dei ricordi, anche questa una teoria di tutto rispetto e, allo stato attuale, potrebbe essere corretta.

Tuttavia non sono proprio convinto di questo:

4815162342 ha scritto
Nel caso invece di Jin e la Rosseau il ricordo non si crea.
Credo che in questo caso semplicemente la Rosseau anche senza l'intervento di Jin non sarebbe entrata nel buco del tempio. Non ho ulteriori elementi per escludere che però Jin abbia in realtà modificato di poco il corso della storia ma comunque non ha potuto creare il ricordo nella mente della Rosseau perchè non era il corpo di allora (bambino) che parlava alla Rosseau.


a) Caio viaggia nel tempo normalmente (salti dell'isola) e parla a Sempronio del 1988.
Sempronio nel 2004 non avrà il ricordo perchè non ha mai parlato nel 1988 con Caio del 1988.



Secondo il mio parere Sempronio nel 2004 avrà invece il ricordo di Caio, perché nella sua linea temporale lo ha incontrato nel 1988. Semmai sarà Caio a non ricordarlo, perché non ancora accaduto per lui… Nel nostro caso la Rousseau non riconosce Jin perché banalmente non interagisce con lui nel 2004 così tanto da ricordarsene: penso che gli autori siano stati molto attenti (come sempre) proprio a evitare che nelle stagioni passate i due si incontrassero troppo. E poi Jin non parlava neanche inglese quando ha incontrato la Rousseau nel 2004…

Ma, ripeto, sono teorie talmente affascinanti che necessitano (e lo dico soprattutto per me) di ulteriori approfondimenti, mi scuso per il poco tempo a disposizione in questo periodo.

Bravo Alessandro! :;)2:

:bye1:


[allineacentro]Ciao Danny
Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Teoria dei viaggi mentali
MessaggioInviato: ven feb 20, 2009 1:56 pm 
Passeggero volo 815
Passeggero volo 815
Non connesso

Iscritto il: mar mar 25, 2008 12:18 am
Messaggi: 69
Come sempre le nuove puntate con nuovi elementi mi pongono sempre al confine tra essere un uomo di scienza e un uomo di fede.
Purtoppo sono nato ingegnere e lascio a voi immaginare dove tende la mia mente.
Penso che scriverò un post decisamente lungo me ne scuso, in particolare mi scuso con Algol se non quoterò i suoi passaggi che andrò a riprendere e analizzare (per non rendere troppo lungo il post) per cercare di chiarificare meglio la mia teoria che ha trovato nuove e interessanti strade da seguire.

Partirò da delle nozioni semplici per poi complicare un po le cose.

Premessa : Teoria dei sistemi

Non riprenderò cosa è perchè già affrontata bene da Algol ma cercherò di trarre qualche ulteriore spunto che serve di base per quello che dirò successivamente.

Un sistema è una entità che si può analizzare e scomporre in termini di :
-Variabili
-Costanti
-Relazioni
-Cambiamenti

Molte teorie matematico-fisiche si possono ricondurre allo studio di sistemi più o meno complessi.
Si può passare banalmente per esempio a modellizzare circuiti elettrici o molto più originalmente a modellizzare con la teoria dei sistemi delle storie d'amore (esempio non a caso ma frutto di una conferenza del mio prof di teoria dei sistemi :pinc: )

In particolare se vediamo il nostro sistema come una scatola nera possiamo definire come analisi del sistema dinamico la valutazione di alcuni output in corrispondenza di certi segnali di ingresso e di eventuali disturbi. In particolare la traiettoria (riferita ad una caratteristica tempo/spazio) è da considerarsi come l'andamento di una o più grandezze di interesse dipendente dalla natura delle equazioni che descrivono il sistema.

Un concetto importante dei sistemi dinamici è il punto di equilibrio che è un punto che rimane "fermo" sotto l'evoluzione del sistema.

Se perturbiamo il nostro sistema in equilibrio il sistema stabilirà una traiettoria per riportarsi in uno stato di equilibrio che potrà essere differente da quello iniziale.
Un esempio semplice di questo meccanismo è dato dall'equilibrio termico di una stanza la cui temperatura è l'"equilibrio termico" della stanza stessa. L'utilizzo eventuale di un condizionatore d'aria modificherebbe la temperatura (equilibrio) raggiungendo un ulteriore punto di equilibrio del sistema.

I punti di equilibrio possono essere distinti in:

Stabili: Se applicando una perturbazione sufficientemente piccola, il sistema torna nello stesso punto di equilibrio.
Instabili: Se non esiste una perturbazione sufficientemente piccola tale da garantire che il sistema torni nello stesso punto di equilibrio.


Ma gli equilibri possono variare anche da soli senza intervento di input del sistema trasformandosi (cosi dette biforcazioni) e in particolare esempi si possono avere con interazione di equilibri stabili e instabili di sottosistemi del nostro sistema.

Tempo


Si sa da prove sperimentali che lo scorrere del tempo non esiste in termini assoluti, infatti come previsto dalla relatività ristretta lo scorrere del tempo è differente per osservatori che siano in moto uno rispetto all'altro. Secondo la teoria della relatività si possono misurare delle deformazioni tempo spazio a velocità prossime a quelle della luce oppure in presenza di forti campi gravitazioni o in presenza di entrambi questi fattori.
Per deformare il tempo-spazio come ormai sappiamo bene servono enormi densità di energia.

Nella pratica, ponendo un orologio di precisione su di un mezzo ad alta velocità, ad esempio un oggetto lanciato ad alta velocità, è normale riscontrare una discrepanza con il rispettivo orologio di riferimento precedentemente sincronizzato, posto ad esempio a terra, dimostrando evidentemente che l'orologio spostatosi ad alta velocità dal suo riferimento ha viaggiato qualche frazione di secondo nel futuro dell'orologio posto a terra (l'orologio che ha volato sarà "indietro" rispetto a quello a terra).

Questo esempio consolidato lo abbiamo ritrovato anche nella serie di Lost.

In pratica la "velocità con cui scorre il tempo" sulla terra ferma è più lento di quello in movimento. Ovvero il tempo per l'oggetto ad alta velocità è stato più veloce di 1 secondo al secondo avendo per questi una dilatazione del tempo e una riduzione dello spazio.
Ovvero avremmo provocato un lievissimo balzo in avanti nel tempo per l'oggetto in movimento riscontrabile da evidenze strumentali sperimentali, ma non dalla mente umana.

Ritornando alla mia teoria iniziale che l'isola sia nel futuro della terra ferma Mrs. Hawking ha finalmente risolto il mio dubbio del fatto che avevo ragione anche se inizialmente avevo ipotizzato la soluzione più semplice senza però escludere quella più realistica.

Numbers ha scritto
tra l'altro sappiamo che il punto spazio-tempo da cui è possibile accedere all'isola può variare e penso valga sia in entrata che in uscita.


Per quanto detto fino ad ora ed essendo l'isola in movimento tempo-spazio rispetto alla terra (pre giro della ruota) si consolidano le mie teorie dovute a vari paradossi.
L'isola era nel futuro.

@Algol

L'esperimento del dottore ti trae in inganno ragionando in termini di due sistemi di riferimento fissi collegati dal wormhole.
In realtà abbiamo un wormhole che collega un sistema "fermo" e uno in moto tempo-spazio. Credo che la velocità dell'isola sia molto elevata tale addirittura da modificare la diffusione della luce.

Daniel Faraday ha scritto
La luce… è strana da queste parti, non è vero? E’ come se non si diffondesse nel modo giusto!



Comunque è difficile capire gli effetti di un tale sistema e dagli elementi a disposizione non possiamo per ora avere certezze.
Però penso di avere buoni elementi per collocare l'isola nel futuro.

Tra l'altro vi sarebbe da capire effettivamente la locazione della nave durante lo svolgersi di alcune puntate perchè a mio avviso abbiamo sempre dato per scontato che fosse sempre sulla "terra ferma" ma a mio avviso dopo aver riparato i motori sono entrati nel wormhole o comunque sono arrivati al limite di esso e questo potrebbe motivare la sopravvivenza di Jin.

Per il discorso nascite per semplicità ho sempre fatto riferimento al momento del parto ma ricordo che una vita nasce circa 9 mesi prima.
Da qui la paura di Ben di non poter intervenire con Alex anche 1 giorno dopo il concepimento di un eventuale bebè. In effetti è difficile capire il paradosso applicato a un ovulo fecondato.


Estensione dei viaggi del tempo

Un'estensione di questa teoria è ipotizzare che lo stesso spazio-tempo non sia un qualcosa di unitario, come da noi percepito, bensì un'entità "discreta", ovvero composta da "quanti", esattamente come tutta la materia e l'energia: a livello ultramicroscopico, pertanto, esisterebbero dei quanti non ulteriormente divisibili di spazio-tempo e lo scorrere del tempo rappresenterebbe solo una nostra illusione ottica. Il divenire, pertanto, altro non sarebbe che lo spostamento tra quanti contigui di spazio-tempo.Un quanto di spazio tempo può contenere o meno una copia di ciascuno di noi: se non la contiene si tratta del periodo anteriore alla nascita o posteriore alla morte. Se la contiene, invece, ogni quanto conterrà una nostra copia in un dato "istante" temporale, cosicché la durata della "nostra vita" altro non sarebbe che la sequenza precisa, ordinata, accurata e lineare di singoli quanti spaziotemporali contenenti una copia di noi in una data "epoca". Ovviamente, a livello macroscopico, essa viene da noi interpretata come un divenire dalla nascita alla morte, ovvero quello che chiamiamo "Vita".

Bisogna osservare che, se un corpo viaggia nel tempo, viene meno una quantità di massa e energia nel punto di partenza e questo compare nel punti di arrivo. La massa non viene creata, c'è una trasformazione dello spazio-tempo in cui si trova, un cambio di coordinate. La conservazione della massa e la conservazione dell'energia sono rispettate se sono estese da tre a quattro dimensioni, includendo quella temporale: non sono rispettate nelle tre dimensioni dello spazio di arrivo dove una massa, sembra comparire dal nulla, mentre lo sono nello spazio-tempo di partenza e di arrivo.
Avremmo quindi una discrepanza nel sistema spazio ma tutto ok nel sistema spazio-tempo.


La teoria esposta in questo forum che quel che è successo non si cambia trova riscontri nella teoria di Congettura di protezione cronologica di cui uno dei più famosi sostenitori è Stephen Hawking e dice riassumendo brutalmente che :
le leggi della fisica siano tali da impedire la nascita di curve temporali chiuse, almeno su scale che non siano sub-microscopiche.
(il tempo visto nella sua interezza non può essere ciclico)

Questa ultima frase mi fa rientrare,almeno in parte, in gruppo con voi visto che ho potuto solo dimostrare la creazione di una curva temporale sub-microscopica di 1 ora di vita del topolino Eloise poi mai avvenuta.

Lascia però intatto l'impossibilità di paradossi simili a quello del nonno che riformulando il tutto diviene per lost :
non si può modificare un quanto tempo-spazio del passato tramite un quanto tempo-spazio futuro.

Questa visione delle cose (Congettura di protezione cronologica) nasce per risolvere il cosiddetto paradosso del nonno che rende implausibile la possibilità di viaggi nel tempo. Ovviamente, si parla di viaggi nel tempo verso il passato, visto che la possibilità di viaggi nel tempo verso il futuro sono consentiti dalla fisica einsteniana senza alcun paradosso.

Riassumendo.

Sono possibili piccole variazioni del passato che comportano il ripristino da parte del sistema di un equilibrio ma macroscopicamente non è possibile cambiare ciò che è successo.


Desmond

Ma allora vi domanderete cosa ha di speciale Desmond???
Se potesse cambiare il passato si avrebbe una discrepanza con quanto detto fino ad ora.
Ammetto che inizialmente ero un po deluso dovendo confinare tale risposta in un atto di fede e non in un atto di scienza.
Ma poi mi è venuta una terribile folgorazione.

E se non dovessimo ragionare solo in termini di quanto-spazio ma tenendo presente un ulteriore coordinata.
La visione di persone morte da parte di persone vive ha poco dello scientifico e ci si spinge nella fantascienza,mistiscismo, religione ma se si sono spinti un po oltre gli autori proverò a farlo anche io. :glas:

Introduciamo una quarta coordinata che denominerò Anima.
Sostanzialmente la differenza tra vita e morte sta in questo nuovo fattore che porta un elemento a essere definito tra due "dimensioni" la vita e la morte con le loro belle coordinate tempo-spazio collegate dall'isola.
Questa nuova introduzione è necessaria per poter validare gli avvenimenti e apparizioni capitati durante il nostro Lost.
L'isola permetterebbe appunto di passare fra le due dimensioni dell'anima e di mantenere l'equilibrio del sistema globale in questo sistema di coordinate a tre elemnenti. Questo nuovo fattore permette di non vedere più come una discrepanza il modificarsi del tempo (un po come succedeva per il concetto di conservazione della massa e conservazione dell'energia) introducendo il concetto di conservazione dell'anima.
Per anime intendo anche mente (non esiste un termine univoco e chiarificatore di questo concetto) infatti la mia teoria permette di descrivere "scientificamente" i viaggi temporali mentali.

Vi chiederete a cosa serve tutto ciò oltre che a dare una piuttosto vaga spiegazione delle visioni di gente morta da parte di gente viva.

Serve a osservare meglio il nostro sistema e a poter riprendere questa frase :

le leggi della fisica siano tali da impedire la nascita di curve temporali chiuse, almeno su scale che non siano sub-microscopiche.

per poterla applicare a Desmond.
La caratteristica di Desmond è che ha "imparato" a effettuare tempi nello spazio-tempo-anima e potrà permettergli di trasformare dei quanto-tempo passati in qualcosa di diverso. (denotare che ho detto trasformare non modificare sono concetti diversi).

Voi direte ma non si può modificare il passato?

Vero ma non stiamo modificando il passato.
Facciamo un esempio concreto.
Desmond nel 2004. Desmond trasforma nel 1996 il quanto tempo-spazio tramite un viaggio nello spazio tempo-spazio-anima.
L'insieme di quanti tempo-spazio tra 1996 e 2004 diventerebbero una cruva temporale chiusa che però è comunque sub-microscopica rispetto all'intero completo arco del tempo.
L'unica cosa da tenere presente è che per il concetto di conservazione dell'anima chi è morto resta morto chi è vivo resta vivo. Questa ultima frase limiterà quindi cosa potrà fare Desmond per salvare i nostri Losties.


Concludo perchè ho già scritto troppo. Mi spiace se sono stato complicato ma essendo una teoria metà scientifica metà di "fede" risulta particolarmente difficile esporla in maniera semplicistica.

Numbers aka Alessandro

p.s. come sempre le mie sono teorie soggettibili di errori non prendete tutto come verità ma come spunto di riflessione di un povero uomo di scienza che farà prontamente richiesta di asilo politico al Santa Rosa :sudando:
Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Teoria dei viaggi mentali
MessaggioInviato: ven feb 20, 2009 5:37 pm 
Parlo con Jacob
Parlo con Jacob
Avatar utente
Non connesso

Iscritto il: ven nov 30, 2007 2:23 am
Messaggi: 1561
Località: Trieste
i'm a: Girl
Caro Numbers, purtroppo (o per fortuna) io sono a metà donna di fede e metà donna di scienza (non per altro sono architetto e non ingegnere). Io credo che non tutto quello che abbiamo visto possa essere ricondotto a delle regole matematiche, se così fosse Ben non avrebbe citato San Tommaso. Credo che questo voglia dirci che possiamo in parte ricondurre la spiegazione a regole fisiche e parte deve essere accettata come un assioma (si dice così vero?), insomma bisogna fidarsi e crederci, altrimenti le domande e i perchè sarebbero infiniti. Perchè Desmond è speciale? E' così e basta. :)


"Malkin è un veggente!" fan club member

"A me piacciono i FlashSideways" fan club member

ImmagineImmagine

Chi spoilera avvelena anche te, digli di smettere!
Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Teoria dei viaggi mentali
MessaggioInviato: sab feb 21, 2009 5:23 pm 
Superstite
Superstite
Avatar utente
Non connesso

Iscritto il: dom feb 08, 2009 1:52 pm
Messaggi: 146
Località: Milano
i'm a: Boy
4815162342 ha scritto

Andiamo per esempi pratici che forse riesco a spiegarmi meglio.

Se nasco sull'isola e torno nel mondo reale subito dopo essere nato tornerei nel passato.
Se tornato nel mondo reale morissi avremmo un paradosso perchè sarei morto prima di nascere.


Questa è una variazione del più famoso paradosso del nonno.

Cita
Il paradosso suppone che un nipote torni indietro nel tempo e uccida suo nonno prima che incontri sua nonna, dunque prima che potessero sposarsi ed avere discendenza. Se ciò fosse possibile, il nipote non sarebbe mai potuto nascere, dunque non sarebbe mai potuto tornare a ritroso nel tempo ed uccidere suo nonno. Il nipote ha viaggiato indietro nel tempo o no?


Credo che questa possibilità (differenza tempo spazio, differenza di "ritmo" etc.) impedisca l'avvenimento paradossale. Infatti non muore solo il bambino ma anche la madre perchè anche lei sarebbe componente del paradosso .
Inoltre la morte nell'ultimo periodo di gravidanza conferma lo sfasamento temporale di alcuni mesi fra realtà(passato) e isola (futuro) come ipotizzato per il discorso Michael.
Lui può morire solo quando nel mondo reale si risincronizza con l'ultimo istante futuro passato sull'isola.

Comunque bisogna aspettare ulteriori informazioni per poter chiarire meglio il discorso nascite.
Ma le altre teorie esposte di mofiche del passato del futuro, imprinting della memoria, e l'impossibilità di morire di michael sono già molto più solide con gli elementi a nostra disposizione.


Se avete suggerimenti o miglioramenti o critiche su questa teoria potete aggiungere le vostre idee in questo topic.
Grazie


Bello, complimenti! Mi trovo d'accordo su questa conseguenza dello sfasamento spaziotemporale. In poche parole non si porterebbe una puerpera nel sistema reale per il rischio di creare delle fratture nella trama dello spazio-tempo.

Quanto a Des, concedetemi, che la sua "particolarità" sia quella di un Sisifo o di un Icaro; sfida il destino e ciò lo rende un po' particolare. Otretutto la sua costante si basa su un amore condiviso - cosa non vera per Daniel - quindi la costante è "invariante" sia nel "sistema" Penny, sia in quello Des.

Grazie, gran bel contributo!

:ciao:

Deepspaceblue
Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Teoria dei viaggi mentali
MessaggioInviato: gio mar 05, 2009 5:42 pm 
Passeggero volo 815
Passeggero volo 815
Non connesso

Iscritto il: mar mar 25, 2008 12:18 am
Messaggi: 69
Cita
Introduciamo una quarta coordinata che denominerò Anima.
Sostanzialmente la differenza tra vita e morte sta in questo nuovo fattore che porta un elemento a essere definito tra due "dimensioni" la vita e la morte con le loro belle coordinate tempo-spazio collegate dall'isola.
Questa nuova introduzione è necessaria per poter validare gli avvenimenti e apparizioni capitati durante il nostro Lost.
L'isola permetterebbe appunto di passare fra le due dimensioni dell'anima e di mantenere l'equilibrio del sistema globale in questo sistema di coordinate a tre elemnenti. Questo nuovo fattore permette di non vedere più come una discrepanza il modificarsi del tempo (un po come succedeva per il concetto di conservazione della massa e conservazione dell'energia) introducendo il concetto di conservazione dell'anima.Per anime intendo anche mente (non esiste un termine univoco e chiarificatore di questo concetto) infatti la mia teoria permette di descrivere "scientificamente" i viaggi temporali mentali.

Vi chiederete a cosa serve tutto ciò oltre che a dare una piuttosto vaga spiegazione delle visioni di gente morta da parte di gente viva.

Serve a osservare meglio il nostro sistema e a poter riprendere questa frase :

le leggi della fisica siano tali da impedire la nascita di curve temporali chiuse, almeno su scale che non siano sub-microscopiche.

per poterla applicare a Desmond.
La caratteristica di Desmond è che ha "imparato" a effettuare tempi nello spazio-tempo-anima e potrà permettergli di trasformare dei quanto-tempo passati in qualcosa di diverso. (denotare che ho detto trasformare non modificare sono concetti diversi).

Voi direte ma non si può modificare il passato?

Vero ma non stiamo modificando il passato.
Facciamo un esempio concreto.
Desmond nel 2004. Desmond trasforma nel 1996 il quanto tempo-spazio tramite un viaggio nello spazio tempo-spazio-anima.
L'insieme di quanti tempo-spazio tra 1996 e 2004 diventerebbero una cruva temporale chiusa che però è comunque sub-microscopica rispetto all'intero completo arco del tempo.
L'unica cosa da tenere presente è che per il concetto di conservazione dell'anima chi è morto resta morto chi è vivo resta vivo. Questa ultima frase limiterà quindi cosa potrà fare Desmond per salvare i nostri Losties.


Mi sa che dopo l'ep. 5x08 devo rinominare la mia teoria in Legge della conservazione dell'Anima
Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Teoria dei viaggi mentali
MessaggioInviato: ven mar 06, 2009 1:19 pm 
Sostenitrice di Solo-Lost
Sostenitrice di Solo-Lost
Avatar utente
Non connesso

Iscritto il: mar dic 11, 2007 11:50 am
Messaggi: 1801
Località: NUORO
i'm a: Girl
Dopo la visione della 5x08 credo sia doveroso fare un'aggiunta: i bambini conceiti sull'isola potevano nascervi! Il problema delle nascite è successivo agli eventi narrati in "LaFleur" e quindi torna tutto in discussione!!!


They are comin'....


Immagine


Ile qui nos omnes servabit
Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Teoria dei viaggi mentali
MessaggioInviato: ven mar 06, 2009 3:57 pm 
Parlo con Jacob
Parlo con Jacob
Avatar utente
Non connesso

Iscritto il: lun mar 10, 2008 8:07 pm
Messaggi: 1225
Località: Kansas City
i'm a: Boy
Forse il cambio è avvenuto dopo il famoso incidente descritto da Candle (esplosione dela bomba all'idrogeno Jughead oppure rilascio dell'energia magnetica con la scoperta del pozzo con la ruota del tempo). L'atmosfera a Dharma City mi sembvra abbastanza giuliva e gli unici problemi derivano dai rapporti con gli allegri comapgni della foresta guidati da Highlander Alpert


Immagine
Qua è tutto un magna magna!
Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Teoria dei viaggi mentali
MessaggioInviato: ven mar 06, 2009 4:18 pm 
Parlo con Jacob
Parlo con Jacob
Avatar utente
Non connesso

Iscritto il: ven nov 30, 2007 2:23 am
Messaggi: 1561
Località: Trieste
i'm a: Girl
A questo punto non credo che la morte delle donne in gravidanza abbia a che fare con i viaggi nel tempo, ma piuttosto con qualche evento come quelli che avete già elencato. Poi ricordiamoci che il problema non è l'impossibilità di far nascere i neonati, ma l'impossibilità delle madri di portare a termine la gravidanza e la morte delle stesse.
Ma ormai credo che questo argomento qui sia off topic.


"Malkin è un veggente!" fan club member

"A me piacciono i FlashSideways" fan club member

ImmagineImmagine

Chi spoilera avvelena anche te, digli di smettere!
Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Teoria dei viaggi mentali
MessaggioInviato: ven mar 06, 2009 6:01 pm 
Sostenitrice di Solo-Lost
Sostenitrice di Solo-Lost
Avatar utente
Non connesso

Iscritto il: mar dic 11, 2007 11:50 am
Messaggi: 1801
Località: NUORO
i'm a: Girl
vermetto80 ha scritto
A questo punto non credo che la morte delle donne in gravidanza abbia a che fare con i viaggi nel tempo, ma piuttosto con qualche evento come quelli che avete già elencato. Poi ricordiamoci che il problema non è l'impossibilità di far nascere i neonati, ma l'impossibilità delle madri di portare a termine la gravidanza e la morte delle stesse.
Ma ormai credo che questo argomento qui sia off topic.

Beh, off topic no visto che se ne parla già dal primo post!!!


They are comin'....


Immagine


Ile qui nos omnes servabit
Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Teoria dei viaggi mentali
MessaggioInviato: lun mar 09, 2009 6:58 pm 
Passeggero volo 815
Passeggero volo 815
Non connesso

Iscritto il: mar mar 25, 2008 12:18 am
Messaggi: 69
Antonella Hume ha scritto
Dopo la visione della 5x08 credo sia doveroso fare un'aggiunta: i bambini conceiti sull'isola potevano nascervi! Il problema delle nascite è successivo agli eventi narrati in "LaFleur" e quindi torna tutto in discussione!!!


scusate se sono in ritardo ma ultimamente ho avuto un bel po da fare (giusto per non farmi sentire troppo l'astinenza da Lost)

In realtà quella nascita dimostra poco. Il bambino nasce sull'isola ma non abbiamo elementi certi che non muoia subito dopo sull'isola assieme a tutti quelli della Dharma e non abbiamo elementi di dove sia stato concepito il bambino. Anche Aaron è nato sull'isola ma non contrasta con la mia teoria essendo stato
concepito sulla terra ferma.
A mio favore viene il fatto che quelli della Dharma facevano nascere tutti i bambini a terra e che il caso dell'episodio 5x08 è un anticipo di nascita non programmata bene.

Riassumendo la mia teoria e riscrivendola in termini degli ultimi episodi il problema della nascita dei bambini è legato alla conservazione dell'anima tra il mondo dei vivi e dei morti.
L' "anima" deve nascere nel mondo dei vivi e non può esserci paradosso temporale di essere nati dopo essere morti.

Credo inoltre che non sia una regola ferrea sopratutto in un isola terra di mezzo fra vita e morte credo che vi siano ulteriori regole dettate da qualcuno/qualcosa (Jacob???) tale per cui quel bambino nato
probabilmente si rivelerà qualcuno di molto speciale.

E qui salta fuori una teoria scommessa :pinc:
Se dovessi sparare molto grosso chi è direi Ben.
In realtà noi sappiamo un passato di Ben che può non essere quello corretto. (quando mai dice il vero...)
Sappiamo che suo padre beveva (come ad esempio Horace) vediamo lui avere un momento di "umanità" con Horace morto e l'episodio della nascita "fortuita" di Ben non può che essere una travisazione del fatto che è uno dei pochi che è riuscito a nascere sull'isola grazie a Juliet.
Anche per il fatto che temporalmente ci sono delle domande incongruenti sull'incontro tra Horace e il
"padre" di Ben quando sua madre sta male pone dei dubbi sulla verità di quello che abbiam visto tempo addietro.
Quindi io punto sul fatto che abbiamo visto la nascita di Ben poi magari mi sbaglierò clamorosamente ma
mi piace pensare di no...e poi spesso nelle cose che riguardano Ben ci sono mezze verità che stanno li solo per essere estrapolate...

vedremo se ci avrò preso con questa pazza ipotesi :hhe:
Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 41 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5  Prossimo

Visitano il forum: Google [Bot] e 1 ospite


Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Vai a:  
Dharma Beer  SOLO-LOST.NET non e' in alcun modo ufficialmente collegato o affiliato ai creatori del telefilm Lost e alla Abc  
 Questo forum utilizza la Creative Commons License  
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group.
Traduzione Italiana phpBB.it
phpBB SEO. Sniper_Blue style for phpBB3 RC1 by Sniper_E
Google