SOLO-LOST.NET
Forum dedicato alla serie TV Lost
* Login   * Iscriviti

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite



Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 14 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Episodi 4x04 - 4x05
MessaggioInviato: gio nov 12, 2009 12:41 am 
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Avatar utente
Non connesso

Iscritto il: mar feb 26, 2008 1:12 am
Messaggi: 1366
i'm a: Boy
Data programmazione su solo-lost: venerdì 13 Novembre 2009

4x04 - "Pessimi affari"

Trailer:



Il bisogno di Kate di ottenere informazioni da Miles potrebbe compromettere la sua posizione con Locke e con Sawyer.


Titolo originale
Eggtown
Sceneggiatura
Elizabeth Sarnoff & Greggory Nations
Regia
Stephen Williams

Guest starring
Zoë Bell - Regina
Beth Broderick - Diane Janssen
Shawn Doyle - Duncan Forrester
Susan Gibney - Melissa Dunbrook

Giorno sull'isola: 93°- 94°


4x05 - "La costante"

Trailer:



Sull'elicottero diretto verso il cargo Desmond subisce degli strani effetti collaterali attraversando una turbolenza che lo porteranno a rischiare la propria vita.


Titolo originale
The Constant
Sceneggiatura
Damon Lindelof & Carlton Cuse
Regia
Jack Bender

Guest starring
Guest starringAnthony Azizi - Omar
Alan Dale - Charles Widmore
Kevin Durand - Martin Keamy
Jeff Fahey - Frank Lapidus
Fisher Stevens - George Minkowski
Sonya Walger - Penelope Widmore

Giorni sull'isola: 94°


[allineacentro]Ciao Danny
Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Episodi 4x04 - 4x05
MessaggioInviato: ven nov 13, 2009 5:20 pm 
Tecnico Dharma
Tecnico Dharma
Avatar utente
Non connesso

Iscritto il: sab feb 23, 2008 12:16 am
Messaggi: 624
Località: Succo d'arancia che viaggia nel tempo
i'm a: Boy
EGGTOWN

Fin dalla prima stagione Kate non è mai stata in grado di restare in un posto per molto tempo. Lo abbiamo visto nei flashback, ma soprattutto lo abbiamo visto sull'Isola.

Eppure, nel suo flashforward, qualcosa sembra cambiato per lei. Finito il processo, che probabilmente si è svolto un paio di anni dopo il soccorso degli Oceanic 6, ottiene una sentenza che inizialmente l'avvocato sconsiglia, e che sicuramente per una Kate di qualche tempo prima sarebbe stata peggio che stare in prigione, eppure lei accetta. 10 anni senza poter lasciare il paese.

Ora può tranquillamente restarsene in un posto, perché adesso nella sua vita c'è una bambino.

La puntata, oltre ai soliti piccoli problemi di potere di Locke, le sue discussioni con Ben, e i 3.2 milioni di dollari che vuole Miles, ruota intorno a Kate.

Ora più che mai sembra decisa di andarsene dall'Isola, ma prima ha bisogno di informazioni, da qualcuno che è stato nel "mondo reale" in tutto questo tempo mentre si credeva che i passeggeri del volo 815 fossero tutti morti in fondo al mare. Le estrapolerà da Miles, con l'aiuto di Sawyer.

KATE: Do you know who I am?
MILES: Excuse me?
KATE: Do you know who I am. Do you know what I did?

Miles chiede in cambio un piccolo favore per rispondere a Kate, la famosa storia dei 3.2 milioni, che ci verrà rivelata nella quinta stagione. Ovviamente sa chi è, e sa cosa ha fatto.

Your name is Katherine Anne Austen, and you're wanted for murder, fraud, arson, and a bunch of other stuff I can't remember. You're a fugitive. You got caught in Australia and the feds were bringing you back. So yeah, we know. If I were you, I'd stay right here, on the island. Who knows, maybe you didn't survive the crash.

Eppure sembrano nascere in lei dei sentimenti nuovi. Appare a poco a poco il desiderio di avere un bambino probabilmente. Lo si intende dal suo dialogo con Sawyer, prima che decida di tornare alla spiaggia.

SAWYER: Alright. You still think you might be pregnant.
KATE: I'm not worried. And I'm not pregnant.
SAWYER: Are you sure?
KATE: Yeah, I'm sure.
SAWYER: (laughs) I mean, whoo!
KATE: Would it have been the worst thing in the world?
SAWYER: Yes, yes it would have been the worst thing in the world. What would we have done with a baby?
KATE: I'm going back to the beach.

Forse inizia a credere che Sawyer non è l'uomo per lei. Come ha detto Ben qualche puntata addietro:

BEN: James. Look at yourself. Yes, on this Island you're brave, daring, handsome, you're someone, but if you left with them, back in the real-world a low-life scam artist like you could never compete with a first class surgeon. I think Kate was really upset when you made your choice to come with us.

Kate troverà, almeno per poco, la felicità nel "mondo reale", anche con Jack, che inizialmente non se la sentirà di andare con lei per via di Aaron (la grande rivelazione di questa puntata). Però alla fine i suoi sentimenti per Sawyer, il bisogno di dover aiutare gli altri che spesso l'ha messa nei guai, la porteranno prima a perdere Jack, e poi a capire che non è con lei che deve stare il bambino, ma con la sua vera madre.

Una piccola parentesi se la merita la scelta del titolo da parte degli autori.

Carlton Cuse ha spiegato:





That's what she said
Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Episodi 4x04 - 4x05
MessaggioInviato: sab nov 14, 2009 1:22 am 
Superstite
Superstite
Avatar utente
Non connesso

Iscritto il: dom feb 08, 2009 1:52 pm
Messaggi: 146
Località: Milano
i'm a: Boy
Eggtown (IV.04).

L’occhio di John, due uova e il libro di Philip K. Dick: Valis.

“La teoria che Dick sviluppa in Valis, e spiegherà sotto forme narrative diverse nei due romanzi successivi, si basa su una concezione dell'universo e della realtà visti come il risultato del pensiero di una Mente che si è scissa in due diverse entità divine, dando luogo a due livelli di realtà, superiore ed inferiore, la Forma I e la Forma II di Parmenide (oppure, rispettivamente, Yang e Yin). L'umanità sarebbe intrappolata nell'universo inferiore, meccanico e deterministico, e vi sarebbe un Velo di Maya a nascondere il livello superiore, la vera realtà.”

Fonte: Wikipedia.

Non ho letto il libro, ma trovo eloquente la citazione. Pensate ai due livelli di realtà (le due entità divine della stessa Mente) come a Jacob e la sua Nemesi. La perfezione della ricerca della redenzione, nel caso di Jacob e l’imperfezione della visione cinica della sua Nemesi (che non a caso non ha un nome, in quanto semplice antagonista della prima). Al velo che nasconde il livello superiore (l’isola) rispetto al mondo naturale come ai wormhole che separano l’isola dal sistema terra e la citazione diventa immediatamente comprensibile. Incredibile!

Finalmente, per la prima volta, il rientro al campo avviene dalla parte opposta a quella solita. Per la prima volta Jack arriva al campo da sinistra ed è accompagnato dalle due nuove figure: Daniel e Charlotte. La IV stagione sovverte realmente le regole ferree della narrazione sin qui usate. I due nuovi eroi sottolineano la differenza narrativa anche con il loro ingresso al campo.

Il modo splendido con cui Hugo si fa fregare da Kate è impareggiabile. Povero Hugo, un po’ di malizia e una corteccia cerebrale che elabora le informazioni più velocemente di quanto gli uomini non possano fare (quella tutta femminile di Kate), ed eccolo nel sacco. Stupendo!
Ha rivelato tutto e se ne accorge quando (a proposito di uova) la frittata è fatta.

You just totally
Scooby-Doo'd me, didn't you?

Eh si, …Hugo, …ti ha fregato!

Kate e Claire: un momento di tenerezza sul senso di essere madre. Claire confessa a Kate la sua sorpresa e Kate è deliziata dall’immagine idilliaca di Claire con Aaron. Quanti moti dell’anima in poche battute. In quel breve scambio di battute si sta prefigurando quanto accadrà e l’invito di Claire a prendere Aaron in braccio è la cifra di quanto avverrà.

Per me la determinazione di Kate, nel comprendere che cosa si sa di lei nel mondo, è assolutamente giustificabile, il fatto che riesca nel suo intento, una misura della sua intelligenza e della sua intraprendenza. Non si lascia vivere, vuole essere artefice del suo destino. Vuole avere voce in capitolo su quanto la riguarda e Miles è una delle poche voci che possono chiarire il suo dilemma. Usa i suoi mezzi per raggiungere il suo fine: sapere.

L’elicottero ha lasciato l’isola il giorno prima e Jack non riesce ad entrare in contatto con la Kahana usando il telefono satellitare. E’ notte ormai e Jack e Juliet interrompono gli esperimenti di “memoria” di Dan e Charlotte. Il telefono viene messo in vivavoce, viene usato un numero di emergenza. Il contatto con la Kahana produce un solo effetto: Regina non sa nulla dell’elicottero e delle persone a bordo. Forse la “x” di Algol comincia ad assumere un qualche valore non facile da definire. E’ evidente che l’elicottero è partito la sera prima e un giorno dopo – secondo il tempo dell’isola – non è ancora arrivato alla Kahana. La dilatazione dei tempi tra i due sistemi è variabile e non del tutto prevedibile, soprattutto se si incappa in qualcosa che sposta di pochi gradi o frazioni di grado, la rotta di uscita.

In compenso l’accordo extra-giudiziale di Kate è realmente sorprendente. Il Pubblico Ministero patteggia un accordo un po’ naive con Kate. Ed ecco che non si ritorna nemmeno in Corte. Kate esce dalla porta di servizio e incontra Jack.

I know why you don't
want to see my baby, Jack.
But until you do, until you want to…
…there's no you and me
going for coffee.


A cosa allude Kate? Quale sarebbe la ragione per cui Jack non vorrebbe vedere Aaron? Lui sa tutto, sa chi è il bimbo, conosce le vicissitudini che li hanno condotti sino a quel punto, sa di Claire…
Perché Jack non lo vuole vedere?

Queste parole però le posso dire solo ora. Quando vidi l’episodio la prima volta, non sapevo nulla e rimasi folgorato al ritorno a casa di Kate. Quelle poche parole, …quando entra nella stanza del bimbo, mi fecero capire chi era uno dei sei sopravvissuti: …Aaron.

Lost.

The Constant (VI.05).

Premetto che questo è forse uno degli episodi più belli di Lost insieme a “There’s no place like home”. Episodio finale che per me ha chiuso definitivamente la serie. So di essere impopolare dicendo questo, ma, onestamente la penso così. Con ciò non voglio dire che, come tutti, io non sia in trepida attesa della VI, o non mi sia goduto appieno la V. Ma per me Lost è finito nel momento in cui sbarcano dalla nave di Penny con Jack che dice: “Let’s go home”. Quel momento è impresso nella mia memoria in modo indelebile, errori compresi - e sono tanti - che amo a dismisura. Sorry!

In questo episodio, per la prima volta, che io ricordi in termini di cinema, scienza e letteratura si fondono in unicum indimenticabile, che supera la fantascienza. Le lavagne di calcoli di Daniel offrono una sola possibilità a Desmond trovare la costante. Una costante valida nei due sistemi di riferimento: il futuro e l’oggi. Una costante che è matematica e letteraria al tempo stesso. Quella che consente ad un essere umano di provare il sentimento più profondo che si possa sperimentare e, al tempo stesso, permette alle equazioni, zeppe di variabili, di trovare la stabilità del sistema. Il punto in cui si raggiunge l’equilibrio e il sistema uomo e il sistema matematico si stabilizzano consentendo l’individuazione di una soluzione. Quanto ho amato Lost in questo momento è indicibile. Per la prima volta la matematica dei miei studi universitari, quella della passione per la fisica teoretica e la letteratura del tema dell’amore impossibile, di cui il cinema è intriso, andavano a braccetto danzando in modo armonioso. Per la prima volta, le passioni di una vita erano vivide, lampanti, manifeste davanti ai miei occhi. Tutto accadeva li, sullo schermo, tutto succedeva in pochi minuti, rappresentato con quella maestria che speravo di poter vedere almeno una volta. Stava accadendo, tutto si fondeva in un meraviglioso crogiolo di conoscenza che non banalizzava nulla, teneva tutto sullo stesso piano e lo rappresentava. In quel momento, il sogno di un umanista prestato alla scienza si stava materializzando. Per un attimo mi parso di vedere l’uno e il tutto, la parte e la complessità, fusi insieme. E’ stato un momento magico. Mi rendo conto, si tratta di un sentimento “razionale” molto personale e legato alla mia specifica natura, ma è stato indimenticabile. Mai nulla mi aveva toccato così a fondo, mai nulla era stato capace di sintetizzare un’idea di completezza conoscitiva. O, almeno, mai nulla era stato così seducente. E’ quanto avrei voluto scrivere, quanto avrei voluto pensare e creare. E me lo sono trovato innanzi, pronto e vivido come nemmeno in sogno ero riuscito ad immaginare.

E poi la costante si manifesta in uno dei momenti più emozionanti e toccanti di Lost: la telefonata di Des e Penny. Un momento che per intensità emotiva e bellezza scenica è comparabile solo con il sontuoso momento del loro incontro a bordo della barca di Penny.

If anything goes wrong, Lost will be my constant.

:ciao:
Deep…
Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Episodi 4x04 - 4x05
MessaggioInviato: lun nov 16, 2009 1:51 pm 
Tecnico Dharma
Tecnico Dharma
Avatar utente
Non connesso

Iscritto il: sab feb 23, 2008 12:16 am
Messaggi: 624
Località: Succo d'arancia che viaggia nel tempo
i'm a: Boy
THE CONSTANT

Deepspaceblue ha scritto

Premetto che questo è forse uno degli episodi più belli di Lost insieme a “There’s no place like home”. Episodio finale che per me ha chiuso definitivamente la serie. So di essere impopolare dicendo questo, ma, onestamente la penso così. Con ciò non voglio dire che, come tutti, io non sia in trepida attesa della VI, o non mi sia goduto appieno la V. Ma per me Lost è finito nel momento in cui sbarcano dalla nave di Penny con Jack che dice: “Let’s go home”. Quel momento è impresso nella mia memoria in modo indelebile, errori compresi - e sono tanti - che amo a dismisura. Sorry!



Non posso non quotare l'introduzione di Deep a questa puntata. La quarta stagione ha raggiunto un livello di narrazione altissimo, e il ricordo di quando ho visto The Constant per la prima volta è qualcosa che rimarrà per sempre indelebile nella mia memoria. Forse non sono d'accordo sul fatto che per me LOST finisca con "There's No Place Like Home", ma trovo comunque che sarebbe stato un grandissimo finale, aperto come probabilmente sarà quello della sesta e ultima stagione.

I tagli così netti che vanno contro ogni regola del montaggio cinematografico, i viaggi mentali di Desmond nel tempo, l'aiuto di Faraday, fanno di questa puntata qualcosa di unico nella storia della televisione.

Come al solito i creatori cospargono l'episodio con interessanti dettagli e curiosità sulla mitologia della serie, che non possono fare a meno di accrescere il velo di mistero che circonda la serie, per esempio il diario appartenente al capitano della Black Rock comprato ad un'asta da Charles Widmore.

L'incontro con il Faraday del 1996 è molto interessante. Daniel all'epoca aveva solo 19 anni, ed è probabile che fosse il motivo per cui, a quanto pare, i suoi colleghi lo prendessero in giro. Nel suo laboratorio sentiamo parlare per la prima volta di costanti e variabili, qualcosa che nella quinta stagione avrà un ruolo fondamentale.

Ma la parte più importante nella puntata è l'amore tra Penny e Desmond, così travagliato, come se il destino li volesse separare, ma che la variabile Hume in quest'enorme equazione chiamata LOST, riuscirà in qualche modo a sconfiggere, almeno per adesso. Sarà interessante vedere il suo ruolo nella sesta stagione, se tornerà sull'Isola, e soprattutto se l'esplosione della bomba H cambierà le cose cosa accadrà a Desmond e Penny.

Per il resto c'è poco da aggiungere a quello che ha detto Deep precedentemente. La puntata è così spettacolare, che è quasi riduttivo descrivere a parole quello che si prova durante la visione. Per questo è meglio rivivere "personalmente" il grande momento di questo episodio, la scena che mi ha definitivamente fatto innamorare di LOST, e di fronte alla quale credo nessuno riesca a trattenere le lacrime.





Il sorriso di Desmond, mentre se ne sta andando dalla casa di Penny, quando lei nel 2004 risponde, mi fanno sempre venire i brividi alla schiena. E' un momento in cui c'è il trionfo dell'amore, della fiducia e di qualcosa di indissolubile che lega due persone, e come spesso fa LOST, ci dà speranza, ci fa capire che anche se in questo mondo ogni giorno accadano cose terribili, esistono valori, esperienze, sentimenti e persone grazie alle quali anche le difficoltà vengono superate, e come Desmond, devo ringraziare la mia costante per questo.


That's what she said
Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Episodi 4x04 - 4x05
MessaggioInviato: mar nov 17, 2009 6:58 pm 
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Avatar utente
Non connesso

Iscritto il: mar feb 26, 2008 1:12 am
Messaggi: 1366
i'm a: Boy
Deepspaceblue ha scritto
L’occhio di John, due uova e il libro di Philip K. Dick: Valis.
[...]
Pensate ai due livelli di realtà (le due entità divine della stessa Mente) come a Jacob e la sua Nemesi. La perfezione della ricerca della redenzione, nel caso di Jacob e l’imperfezione della visione cinica della sua Nemesi (che non a caso non ha un nome, in quanto semplice antagonista della prima). Al velo che nasconde il livello superiore (l’isola) rispetto al mondo naturale come ai wormhole che separano l’isola dal sistema terra e la citazione diventa immediatamente comprensibile. Incredibile!


Bellissima questa citazione Deep, una straordinaria corrispondenza, inimmaginabile durante la nostra prima visione. Come sempre i libri mostrati dagli autori non sono mai casuali, ma nascondono un significato profondo sulla natura stessa dell'isola, molte volte rappresentano segni comprensibili solo molto tempo dopo. Ed anche in questo caso ecco un'anticipazione a quello che diventerà il filo conduttore di LOST nella quarta e quinta stagione: la separazione tra il sistema isola ed il sistema mondo reale, la separazione tra le due diverse entità "divine", Jacob e Nemesi.

Deepspaceblue ha scritto

Finalmente, per la prima volta, il rientro al campo avviene dalla parte opposta a quella solita. Per la prima volta Jack arriva al campo da sinistra ed è accompagnato dalle due nuove figure: Daniel e Charlotte. La IV stagione sovverte realmente le regole ferree della narrazione sin qui usate. I due nuovi eroi sottolineano la differenza narrativa anche con il loro ingresso al campo.


Bella anche questa osservazione! Quanto è gratificante immergermi nella lettura dei vostri commenti, sempre più attenti ed interessanti. Complimenti! :yes:

Deepspaceblue ha scritto
L’elicottero ha lasciato l’isola il giorno prima e Jack non riesce ad entrare in contatto con la Kahana usando il telefono satellitare. [...]
Forse la “x” di Algol comincia ad assumere un qualche valore non facile da definire. E’ evidente che l’elicottero è partito la sera prima e un giorno dopo – secondo il tempo dell’isola – non è ancora arrivato alla Kahana. La dilatazione dei tempi tra i due sistemi è variabile e non del tutto prevedibile, soprattutto se si incappa in qualcosa che sposta di pochi gradi o frazioni di grado, la rotta di uscita.


Sono d'accordo. Penso infatti che l'incognita "x", cioè la differenza temporale tra il sistema isola ed il sistema mondo reale, rimarrà indefinita. La variabilità della dilatazione dei tempi sembra essere conseguenza di un numero elevato di fattori: la traiettoria - wormhole - utilizzata durante lo spostamento ("trasformazione"), la velocità di attraversamento, ecc. Sembra impossibile definire in quale epoca rispetto al mondo reale l'isola si trovi, proprio per la definizione stessa della relatività del tempo. Sappiamo che isola e mondo reale sono solidali con sistemi di riferimento temporali diversi, sappaimo che in entrambi il tempo scorre normalmente se misurato da un osservatore all'interno dello stesso sistema, ma il tempo osservato al di fuori o durante l'attraversamento varia proprio al variare dei parametri che ne determinano la sua misura. "x" è a tutti gli effetti una variabile, che equivale a zero probabilmente solo se si viaggia alla velocità della luce (es: le onde elettromagnetiche, come le comunicazioni radio tra la nave e l'isola).


Deepspaceblue ha scritto
The Constant (VI.05).

In questo episodio, per la prima volta, che io ricordi in termini di cinema, scienza e letteratura si fondono in unicum indimenticabile, che supera la fantascienza.
[...]
Stava accadendo, tutto si fondeva in un meraviglioso crogiolo di conoscenza che non banalizzava nulla, teneva tutto sullo stesso piano e lo rappresentava. In quel momento, il sogno di un umanista prestato alla scienza si stava materializzando. Per un attimo mi parso di vedere l’uno e il tutto, la parte e la complessità, fusi insieme. E’ stato un momento magico. Mi rendo conto, si tratta di un sentimento “razionale” molto personale e legato alla mia specifica natura, ma è stato indimenticabile. Mai nulla mi aveva toccato così a fondo, mai nulla era stato capace di sintetizzare un’idea di completezza conoscitiva. O, almeno, mai nulla era stato così seducente. E’ quanto avrei voluto scrivere, quanto avrei voluto pensare e creare. E me lo sono trovato innanzi, pronto e vivido come nemmeno in sogno ero riuscito ad immaginare.




Poesia. :cry:

Nulla da aggiungere al momento più intenso in assoluto tra tutto ciò che sin'ora abbiamo potuto ammirare. L'apoteosi raggiunta dopo 35 minuti emozionanti come mai si sono visti, con la telefonata tra Des e Penny che ancora adesso, dopo averla vista almeno 20 volte, riesce a commuovermi. L'interpretazione di Desmond è straordinaria, il suo sguardo pieno di paure e speranze, i suoi sorrisi, la sua emozione al telefono (ovviamente non mi stancherò mai di ripetere che va vista assolutamente in lingua originale...)

I tantissimi spunti scientifici che questa puntata riassume sono stati elencati, studiati ed interpretati l'anno scorso e nulla di più vorrei aggiungere ora, per lasciare spazio al vero grande trionfo dell'unica vera costante della nostra vita, l'amore sincero e profondo.

Per questo non posso che essere d'accordo con Ivan, che cito qui di seguito:


ivan815 ha scritto
E' un momento in cui c'è il trionfo dell'amore, della fiducia e di qualcosa di indissolubile che lega due persone, e come spesso fa LOST, ci dà speranza, ci fa capire che anche se in questo mondo ogni giorno accadano cose terribili, esistono valori, esperienze, sentimenti e persone grazie alle quali anche le difficoltà vengono superate, e come Desmond, devo ringraziare la mia costante per questo.


Complimenti per le tue parole che condivido assolutamente.

:bye1:


[allineacentro]Ciao Danny
Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Episodi 4x04 - 4x05
MessaggioInviato: gio nov 19, 2009 4:16 pm 
Premo Execute
Premo Execute
Avatar utente
Non connesso

Iscritto il: gio apr 17, 2008 3:38 pm
Messaggi: 539
Località: Bologna
i'm a: Girl
Deepspaceblue ha scritto
L’occhio di John, due uova e il libro di Philip K. Dick: Valis.

“La teoria che Dick sviluppa in Valis, e spiegherà sotto forme narrative diverse nei due romanzi successivi, si basa su una concezione dell'universo e della realtà visti come il risultato del pensiero di una Mente che si è scissa in due diverse entità divine, dando luogo a due livelli di realtà, superiore ed inferiore, la Forma I e la Forma II di Parmenide (oppure, rispettivamente, Yang e Yin). L'umanità sarebbe intrappolata nell'universo inferiore, meccanico e deterministico, e vi sarebbe un Velo di Maya a nascondere il livello superiore, la vera realtà.”


Questo pensiero di Deep mi ha ricordato un mio studio su alcune stelle del cielo, per precisione la Costellazione del Drago.

L’avevo fatto un po’ di tempo fa, quando avevo molto più tempo da dedicare al forum. Adesso sono un po’ presa, ma mi sembra che possa aggiungere qualcosa a questo particolare del libro di Valis, colto da Deep nonchè qualche pennellata in più al quadro che ognuno di voi ha creato con i bellissimi commenti che avete fatto a questi due straordinari episodi.

L’approfondimento partiva da ragionamenti fisici che io ho rielaborato dal punto di vista simbolico che è quello a me più congeniale.


“Il piano dell'orbita lunare intorno alla Terra è leggermente inclinato rispetto a quello del corso apparente del Sole. Quando i due luminari sono in congiunzione, cosa che capita una volta al mese circa, la Luna passa solitamente un po' più in alto o più in basso rispetto al disco solare; e quando i due luminari sono in opposizione, la Luna passa al di sopra o al di sotto del cono d'ombra che la Terra, illuminata dal Sole, proietta dietro di sé.

Tuttavia, a volte succede che alla congiunzione, cioè al Novilunio, la Luna si trovi nel punto esatto d'intersezione della sua orbita con il corso del Sole proprio quando questo sta transitando per il medesimo punto; in questo caso, dalla Terra si vedrà un'eclisse di Sole, perché il disco della Luna nasconderà quello solare. Invece al Plenilunio, cioè all'opposizione, può succedere che la Luna si trovi in un punto d'intersezione della sua orbita con quella apparente del Sole e che nello stesso momento il Sole passi per il punto diametralmente opposto; in questo caso, la Luna entrerà nel cono d'ombra della Terra e si verificherà un'eclisse di Luna.

Questi punti d'intersezione tra il corso del Sole e l'orbita lunare sono detti Nodi della Luna. Se l'intersezione avviene verso Nord, si parla di nodo lunare crescente; viceversa, se avviene verso Sud, di nodo lunare calante.

Gli astronomi vedici chiamarono questi due punti d'intersezione Rahu (testa del drago) e Ketu (coda del drago) inseriti nel mito vedico del Naga Vasuki, Signore del reame infero del Patala Loka.

I Naga, nella mitologia indo-buddista, non sono comuni serpenti, bensì draghi divini, accumulatori di sapienza e saggezza.

Immagine



I Naga sono associati alle acque e stanno a guardia di immensi tesori.

Negli antichi tempi ci fu tra dèi e i demoni una grande guerra per la supremazia sull'Universo, il cui l’evento decisivo fu la cosiddetta “frullatura del grande oceano primordiale di latte” che fece venire a galla i tesori nascosti nel fondo e, soprattutto, l'amrita (ambrosia), ossia il nettare che dona l'immortalità.

Una volta in possesso dell'amrita però, gli dei vollero tenerlo solo per sé, perché convinti che i Naga l'avrebbero usato nel modo sbagliato.

Dato che Vasuki era per metà uomo e per metà serpente, temevano che una volta diventato immortale, sarebbe potuta prevalere la natura serpentina, egoistica e materialista piuttosto che quella umana, altruistica e spirituale.

Ma Vasuki, che era molto astuto, riuscì a bere segretamente il nettare dell'immortalità. Il Sole e la Luna se ne accorsero e informarono Vishnu, dio preservatore dell'Universo, il quale s'arrabbiò molto per il furto.

La sua ira fu tale da indurlo a scagliare contro Vasuki la sua celebre arma circolare, il Sudharshana Chakra, che lo tagliò in due.

Bisogna sapere, però, che l'arma di Vishnu dà anche la liberazione a coloro che uccide. Inoltre Vasuki aveva bevuto l'amrita perciò non poteva più essere ucciso. L'effetto combinato dell'arma di Vishnu e dell'amrita fece sì che solo la coda fu liberata. Vasuki rimase così nei cieli sotto forma di Rahu (testa del drago) e Ketu (coda del drago), per rammemorare a tutti, perfino agli dei il lato oscuro della vita, che dobbiamo sconfiggere se vogliamo conseguire l'immortalità.

Rahu (Caput Draconis) rappresenta i desideri insaziabili, di potere, di primato e successo mondano, mentre Ketu (Cauda Draconis) tende costantemente verso la spiritualità, i poteri psichici della mente e la capacità di distacco dalle passioni.

Caput e Cauda Draconis sono considerati le massime potenze dello Zodiaco indù. Rappresentano la legge cosmica a cui tutti, inclusi il Sole e la Luna, devono obbedire".

http://www.risveglio.net/C1041870716/E3 ... index.html

Immagine



Il mito quindi riporta ancora una volta il concetto per cui il divino senza il terreno non può compiersi, così come il terreno non può rimanere tale, ma deve aspirare e tendere verso la parte divina e spirituale che è dentro di sé, accettando e trasformando in positivo le pulsioni ambivalenti che sono nell’animo umano.

E’ inoltre interessante notare, come sottolinea la citazione di Deep, che il così detto mondo “supero” dove è collocata la divinità e quello chiamato “infero” dove è collocata l’umanità sono entrambi divini e terreni quindi non sono scissi se non dall’uomo stesso che non è riuscito a rintracciare in sé l’elemento divino perché troppo concentrato sulle illusioni terrene.

Il fatto poi che l'arma di Vishnu dia anche la liberazione a coloro che uccide, se apparentemente sembra un paradosso, potrebbe invece essere l’ennesimo messaggio simbolico che ci regala LOST, per cui se non si attraversa l’acqua del “male” e quindi delle passioni inferiori; se non le si sperimenta permettendosi di provarle senza paura come facenti parte della natura umana, così come ne fa parte il “bene”, non si può nemmeno superarle e trascenderle.


Beh, non so se sono riuscita bene ad esprimere un concetto che è totalmente rifiutato dal mondo occidentale in cui c’è ancora la convinzione che “il bene” stia tutto da una parte e il “male” dall’altra; in fondo è un approfondimento che vale soprattutto a confermare come anche il particolare più piccolo, la “mollica” più infinitesimale del grande e meraviglioso “pane” di cui ci nutriamo da tanti anni con LOST e quindi i testi scelti e le letture e le canzoni ed i riferimenti religiosi ed umanistici e quelli fisici e scientifici siano stati tutti scelti con una pignoleria quasi maniacale che però a me è sempre piaciuta tanto. :)
Ciao a tutti!


"E tutto insieme, tutte le voci
tutte le mete, tutti i desideri,
tutti i dolori, tutta la gioia, tutto il bene e il male
tutto insieme era il mondo.
Tutto insieme era il fiume del divenire,
era la musica della vita".
~ Hermann Hesse - Siddharta ~

Grazie LOST !
Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Episodi 4x04 - 4x05
MessaggioInviato: gio nov 19, 2009 9:56 pm 
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Avatar utente
Non connesso

Iscritto il: mar feb 26, 2008 1:12 am
Messaggi: 1366
i'm a: Boy
melusina ha scritto
Deepspaceblue ha scritto
L’occhio di John, due uova e il libro di Philip K. Dick: Valis.

“La teoria che Dick sviluppa in Valis, e spiegherà sotto forme narrative diverse nei due romanzi successivi, si basa su una concezione dell'universo e della realtà visti come il risultato del pensiero di una Mente che si è scissa in due diverse entità divine, dando luogo a due livelli di realtà, superiore ed inferiore, la Forma I e la Forma II di Parmenide (oppure, rispettivamente, Yang e Yin). L'umanità sarebbe intrappolata nell'universo inferiore, meccanico e deterministico, e vi sarebbe un Velo di Maya a nascondere il livello superiore, la vera realtà.”


Questo pensiero di Deep mi ha ricordato un mio studio su alcune stelle del cielo, per precisione la Costellazione del Drago.

L’avevo fatto un po’ di tempo fa, quando avevo molto più tempo da dedicare al forum. Adesso sono un po’ presa, ma mi sembra che possa aggiungere qualcosa a questo particolare del libro di Valis, colto da Deep nonchè qualche pennellata in più al quadro che ognuno di voi ha creato con i bellissimi commenti che avete fatto a questi due straordinari episodi.

L’approfondimento partiva da ragionamenti fisici che io ho rielaborato dal punto di vista simbolico che è quello a me più congeniale.

[...]

Rahu (Caput Draconis) rappresenta i desideri insaziabili, di potere, di primato e successo mondano, mentre Ketu (Cauda Draconis) tende costantemente verso la spiritualità, i poteri psichici della mente e la capacità di distacco dalle passioni.

Caput e Cauda Draconis sono considerati le massime potenze dello Zodiaco indù. Rappresentano la legge cosmica a cui tutti, inclusi il Sole e la Luna, devono obbedire".


Mi ricordo benissimo lo studio sulla costellazione del Drago, e tutti gli studi sulla simbologia che hai riportato nelle molte pagine del topic Simboli antichi, Wormhole e i misteri dell'Isola.
Bello l'accostamento con la costellazione del Drago, che per gli antichi egizi corrisponde proprio a Tawaret , la divinità rappresentata dalla statua!
Ripensandoci meglio, evidentemente la statua di Tawaret osservava il sorgere della costellazione del Drago sull'orizzonte al tempo della sua costruzione (così come la Sfinge egiziana osservava il sorgere della costellazione del Leone)...

Mi è piaciuta molto anche la descrizione dei nodi lunari, così molto legati ai fenomeni astronomici delle eclissi di sole e di luna e alle loro rappresentazioni simboliche.

Grazie per averci condiviso il tuo studio.
:bye1:


[allineacentro]Ciao Danny
Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Episodi 4x04 - 4x05
MessaggioInviato: ven nov 20, 2009 3:34 pm 
A Othersville
A Othersville
Avatar utente
Non connesso

Iscritto il: mar lug 29, 2008 12:15 pm
Messaggi: 938
Località: sicilia
i'm a: Boy
4x04 Pessimi affari


La storia si ripete: in qualunque posizione si trovi, che di prigioniero, che di leader, riesce sempre ad ottenere cio' che vuole... di chi sto parlando? Di Benjamin Linus che per l'ennesima volta riesce a complicare la vita di Locke.
"So cosa stai cercando di fare, ma non funziona"
"Bene John, ti stai evolvendo!"
Uscito dalla stanza Locke sbotta e lancia il vassoio contro il muro...Le parole di Ben hanno funzionato...

Ritroviamo il famoso "backgammon", ed è curioso che proprio Sawyer lo proponga a Locke. Sembra quasi un anticipo di ciò che succederà nella Season5; il backgammon, un gioco importantissimo in Lost, viene collegato prima a Locke, poi a Walt e poi ancora a Sawyer, quasi a delimitare un importanza costante ai personaggi che si avvicinano al gioco... puo' essere una pazzia, ma mi è saltato all'occhio questo collegamento!

Locke che minaccia Miles è qualcosa di fantastico!
"Mi sono reso conto che quando ti ho legato qui dentro, l’altro giorno, ho commesso l’errore di non presentarmi: mi chiamo John Locke, e sono il repsonsabile del buon andamento di quest’isola. Alla fine, Miles, tu mi dirai chi sei e mi dirai delle persone su quella nave e mi dirai perchè siete interessati a Ben. Nel frattempo, però, terrai la bocca chiusa. Ho imparato una cosa ieri: è inutile stabilire regole se non si punisce chi le infrange. Finchè morderai non succederà niente. Buon appetito" :ghghgh: :ghghgh:

Nel frattempo, Jack riesce a mettersi in contatto con la nave, ma l'elicottero non è ancora arrivato e Faraday sembra avere problemi di memoria... 2 misteri che si aggiungono alla lista

4x05 La Costante


Continuo a ripeterlo: uno dei migliori episodi di Lost! Ogni volta che lo vedo è come se fosse la prima; Desmond che sembra intrappolato in 2 dimensioni, la spia sulla nave che aiuta i nostri, Minkovsky, la telefonata finale Des-Penny... tutto davvero "Amazing" per dirla in inglese!


Immagine


I LOVE LOST
Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Episodi 4x04 - 4x05
MessaggioInviato: ven nov 20, 2009 5:38 pm 
Premo Execute
Premo Execute
Avatar utente
Non connesso

Iscritto il: gio apr 17, 2008 3:38 pm
Messaggi: 539
Località: Bologna
i'm a: Girl
Algol ha scritto
melusina ha scritto
Deepspaceblue ha scritto
L’occhio di John, due uova e il libro di Philip K. Dick: Valis.

“La teoria che Dick sviluppa in Valis, e spiegherà sotto forme narrative diverse nei due romanzi successivi, si basa su una concezione dell'universo e della realtà visti come il risultato del pensiero di una Mente che si è scissa in due diverse entità divine, dando luogo a due livelli di realtà, superiore ed inferiore, la Forma I e la Forma II di Parmenide (oppure, rispettivamente, Yang e Yin). L'umanità sarebbe intrappolata nell'universo inferiore, meccanico e deterministico, e vi sarebbe un Velo di Maya a nascondere il livello superiore, la vera realtà.”


Questo pensiero di Deep mi ha ricordato un mio studio su alcune stelle del cielo, per precisione la Costellazione del Drago.

L’avevo fatto un po’ di tempo fa, quando avevo molto più tempo da dedicare al forum. Adesso sono un po’ presa, ma mi sembra che possa aggiungere qualcosa a questo particolare del libro di Valis, colto da Deep nonchè qualche pennellata in più al quadro che ognuno di voi ha creato con i bellissimi commenti che avete fatto a questi due straordinari episodi.

L’approfondimento partiva da ragionamenti fisici che io ho rielaborato dal punto di vista simbolico che è quello a me più congeniale.

[...]

Rahu (Caput Draconis) rappresenta i desideri insaziabili, di potere, di primato e successo mondano, mentre Ketu (Cauda Draconis) tende costantemente verso la spiritualità, i poteri psichici della mente e la capacità di distacco dalle passioni.

Caput e Cauda Draconis sono considerati le massime potenze dello Zodiaco indù. Rappresentano la legge cosmica a cui tutti, inclusi il Sole e la Luna, devono obbedire".


Mi ricordo benissimo lo studio sulla costellazione del Drago, e tutti gli studi sulla simbologia che hai riportato nelle molte pagine del topic Simboli antichi, Wormhole e i misteri dell'Isola.
Bello l'accostamento con la costellazione del Drago, che per gli antichi egizi corrisponde proprio a Tawaret , la divinità rappresentata dalla statua!
Ripensandoci meglio, evidentemente la statua di Tawaret osservava il sorgere della costellazione del Drago sull'orizzonte al tempo della sua costruzione (così come la Sfinge egiziana osservava il sorgere della costellazione del Leone)...

Mi è piaciuta molto anche la descrizione dei nodi lunari, così molto legati ai fenomeni astronomici delle eclissi di sole e di luna e alle loro rappresentazioni simboliche.

Grazie per averci condiviso il tuo studio.
:bye1:


Grazie a te anche per aver ricordato gli studi che abbiamo fatto in diversi sul forum su questa costellazione; in effetti LOST sembra insistere sull'idea di Paracelso: "Come sopra, così sotto", un pensiero filosofico che mi è sempre piaciuto.
:bye1:


"E tutto insieme, tutte le voci
tutte le mete, tutti i desideri,
tutti i dolori, tutta la gioia, tutto il bene e il male
tutto insieme era il mondo.
Tutto insieme era il fiume del divenire,
era la musica della vita".
~ Hermann Hesse - Siddharta ~

Grazie LOST !
Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Episodi 4x04 - 4x05
MessaggioInviato: sab nov 21, 2009 7:29 pm 
Sostenitrice di Solo-Lost
Sostenitrice di Solo-Lost
Avatar utente
Non connesso

Iscritto il: sab apr 26, 2008 1:48 pm
Messaggi: 1065
i'm a: Girl
EGGTOWN
non ricordo chi nei topic precedenti aveva parlato di una sorta di "inutilità" dei flashforward della quarta stagione rispetto ai flashback delle tre stagioni precedenti. E per carità, c'è libertà di opinione! ma io rimango sempre estremamente affascinata da questi "sguardi" verso il futuro. Non so, forse perchè sin da piccola ho sempre avuto la curiosità di sapere "quale sarebbe stato il futuro dei protagonisti oltre la fine del film/telefilm"; forse perché guardando le prime stagioni di lost (le prime 3 le ho viste di fila, solo dalla quarta ho iniziato la programmazione americana) avevo sempre immaginato che lost sarebbe finito con tutti che vanno via dall'isola e fine, manco mi era passato per la mente che potessimo vedere qualcosa del futuro a metà telefilm! Insomma, con questi flashforward ho avuto una risposta alla domanda infantile "chissà cosa avrebbero fatto questi personaggi 3 anni dopo la fine della serie".

Comunque! tornando in tema della puntata...questo ne è un esempio lampante! Innanzitutto per la magistrale costruzione dell'episodio, per cui mi sono ricordata lucidamente della prima volta che l'ho visto e di quanto fossi assolutamente convinta che il figlio di cui la Kate del futuro continuava a parlare fosse figlio di Sawyer e che lei avesse mentito dicendo che non era incinta..e che sorpresa alla fine! anzi, più che sorpresa...inquetudine. ma che è successo? che fine ha fatto claire? kate ha rapito aaron da piccolo? claire è rimasta sull'isola o è tornata e poi le è successo qualcosa? kate è in realtà claire e si è fatta una plastica? :ghghgh: insomma...le domande più disparate.
E povero jack...come scopriremo, in quel momento già sapeva che aaron è suo nipote, non dev'essere facile vederlo sapendo che la sua sorellastra è scomparsa prima che lui potesse saperlo; sapendo che non possono in alcun modo affidare aaron alla nonna perché se no salterebbe la copertura di tutti...salterebbe la grande bugia. Pazzesco. Ci sono sempre dinamiche psicologiche incredibili in Lost, e per quanto non debbano essere tutte necessariamente condivisibili o moralmente giuste, c'è da dire che sono disegnate sempre in maniera magistrale.

Un piccolo appunto solo relativo a Locke. La scena del dialogo con Ben a inizio episodio è indicativa di quanto Locke spesso faccia 3 passi avanti e 5 indietro, secondo me. Cavolo, ha ragione Ben quando dice "è la stessa situazione di qualche tempo fa, cambia solo la stanza"! Per quanto gli dica "bene, stai evolvendo" alla fine Locke che fa? Lancia il vassoio contro il muro, facendo sentire (è questo l'errore di Locke) a Ben che ha vinto ancora lui! Cavolo! Mai farsi vedere debole davanti ad uno come Ben! e infatti lui, come al solito, se la ride sotto i baffi...

THE CONSTANT
che dire dell'episodio più complesso e meraviglioso di tutti i tempi? Che dire di quel genio di Faraday (che tra l'altro, in versione 1996 è assurdamente uguale ad un mio amico :ghghgh: ) che è lì che non capisce come stabilizzare Des ed evitargli la fine di Eloise e all'improvviso si sente dare la soluzione da uno che con la fisica non c'entra nulla?! Quella scena è memorabile... "ma la costante...non può essere una persona?" e faraday che dice "sì...può essere" con la faccia di chi non ci aveva in effetti pensato. Non perchè faraday sia stupido :ghghgh: tutt'altro, però nel '96 è un ragazzo di 19 anni che già lavora come un quarantenne affermatissimo e l'amour...credo lo conoscerà solo a partire dalla rossa Carlotta.
E ci crede, faraday...ci crede così tanto che si scrive a chiare lettere "desmond hume will be my constant". Il sentimento umano, così irrazionale, volubile e variabile, si inserisce come un treno in corsa tra le equazioni del suo diario. Brividi.


Living is easy with eyes closed
misunderstanding all you see
It's getting hard to be someone, but it all works out
It doesn't matter much to me
Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 14 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Vai a:  
cron
Dharma Beer  SOLO-LOST.NET non e' in alcun modo ufficialmente collegato o affiliato ai creatori del telefilm Lost e alla Abc  
 Questo forum utilizza la Creative Commons License  
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group.
Traduzione Italiana phpBB.it
phpBB SEO. Sniper_Blue style for phpBB3 RC1 by Sniper_E
Google