SOLO-LOST.NET
Forum dedicato alla serie TV Lost
* Login   * Iscriviti

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite



Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 33 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Re: Episodi 1x12 - 1x13 - 1x14
MessaggioInviato: dom giu 28, 2009 10:27 pm 
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Avatar utente
Non connesso

Iscritto il: mar feb 26, 2008 1:12 am
Messaggi: 1366
i'm a: Boy
Resto sempre molto appagato dalle lettura delle vostre ottime recensioni, dallo stile ormai inconfondibile di Deep, dalla precisione certosina di Wong, dalle osservazioni di Jack, dai commenti di tutti insomma, complimenti!

Mi piace molto l'accostamento di Wong tra la coppia John-Locke e la coppia Jacob-Nero, belle anche le immagini utilizzate.

WongKarWai ha scritto


Gli uomini. I predatori più pericolosi che esistano in natura.



Già, i predatori più pericolosi, calza a pennello con il discorso che Nero fa a Jacob a fine Season 5. Inquietante.

WongKarWai ha scritto
Charlie - If there's one person on this island I would put my absolute faith in to save us all, it would be John Locke.
Ille qui nos omnes servabit… :invisible:

Che insieme a ciò che Kate dice a Shannon nella 1x11:

WongKarWai ha scritto
Chiudo con una frase della stessa Kate: "If there's anyone on this island your brother's safe with, it's Locke".
Ille qui nos omnes servabit... :invisible: :bye1:


rappresenta un tassello ulteriore della soluzione dell'enigma rappresentato dalla frase latina. Chi "giace" all'ombra della statua? Io ricordo un John Locke... morto... ma sarà davvero così?

Mi piacerebbe soffermarmi qualche minuto sulla mappa disegnata dalla Rousseau e prelevata da Sayid dal suo bunker.

Immagine


Osserviamo (male in verità) alcune formule, che Sayid dice di non aver mai visto prima. Ma dalla quinta stagione sappiamo che l'equipaggio della Rousseau ha captato il segnale radio con i numeri dell'equazione di Valenzetti, ne ha seguito la direzione di provenienza e, probabimente per un caso fortuito, o forse perché "doveva" andare così, o perché chi ha trasmesso il segnale voleva che accadesse, l'imbarcazione è riuscita ad imboccare l'apertura di un wormhole e raggiungere l'isola.
L'equipe della Rousseau stava affrontando una spedizione scientifica prima del naufragio, è quindi molto probabile che ci siano stati a bordo scienziati e che la stessa Rousseau abbia avuto una certa confidenza con la matementica. Tra le mappe di Danielle troviamo anche una trascrizione della sequenza numerica:

Immagine


Non è da escludere, quindi, che gli appunti e le formule sulla mappa fossero tentativi della Rousseau di determinare le equazioni le cui soluzioni corispondono proprio alla sequenza di numeri. L'equazione di Valenzetti, appunto.

** Jack Shepard ** ha scritto
1. La bussola data da Locke a Sayid... perchè è difettosa?

...

3. Sayid: continuando così il mare sommergera' il resto dell'aereo. Non è normale un cambiamento così brusco di marea.
Jack: c'è ben poco di normale su quest'isola...

Voglio la spiegazione del perchè la marea è strana! :ghghgh:


Provo a rispondere a queste domande, sulla base delle teorie che ho esposto in quarta stagione. Sappiamo che l'isola ha proprietà che vanno un po' oltre la fisica ordinaria; sappiamo della presenza di sacche di materia esotica su cui la ruota è stata costruita, particelle che sono in grado di rendere stabile un collasso gravitazionale agendo da "antigravità" e quindi - secondo la teoria - in grado di stabilizzare un wormhole. Sarebbero queste particelle, quindi, a rendere possibile i viaggi nello spazio-tempo, ed alla stessa isola di muoversi attraverso questa deformazione nel tempo e nello spazio...

La diffusione della luce sull'isola non è normale, come fa notare Daniel Faraday al suo esordio in quarta stagione: solo in presenza di deformazioni spazio-temporali la luce non segue la consueta traiettoria rettilinea, bensì percorre quelle linee note come "geodetiche", che rappresentano cioè il minimo potenziale della deformazione stessa, le traiettorie più "brevi" e più "facili" per esprimere il fenomeno in parole comprensibili.

La stessa marea si comporta in modo strano, per usare le parole di Saiyd. Ricordo che il fenomeno delle maree è dovuto principalmente da due fattori:

1 - l'attrazione gravitazionale esercitata sulla Terra dagli altri corpi celesti del sistema solare: tra questi è nettamente predominante l'attrazione della Luna considerata la sua vicinanza.

2- la forza centrifuga dovuta alla rotazione del sistema Terra-Luna intorno al proprio centro di massa.

Il Sistema Isola, come ormai da tempo lo chiamo, è un sistema di riferimento "isolato" rispetto al Mondo Reale grazie a campi gravitazionali molto intensi, in grado di influenzare lo spazio-tempo, di generare wormhole, di deviare la traiettoria rettilinea della luce. L'unico punto di contatto del Sistema Isola con l'esterno è rappresentato dalla finestre spazio-temporali, i wormhole appunto, window event indicati, ad esempio, nella stazione Lanterna.
Non è da escludere, quindi, che un sistema con queste proprietà particolari possa, nelle immediate vicinanze, accentuare il moto di marea.

Sappiamo inoltre che la stessa stazione Cigno è costruita su una sacca di materia dalle proprietà magnetiche straordinarie; l'ago della bussola risente di questo campo, indicando una direzione che è la somma angolare tra il Nord magnetico terrestre e quello indotto dall'isola stessa.

:bye1:


[allineacentro]Ciao Danny
Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Episodi 1x12 - 1x13 - 1x14
MessaggioInviato: dom giu 28, 2009 10:54 pm 
A Othersville
A Othersville
Avatar utente
Non connesso

Iscritto il: mar lug 29, 2008 12:15 pm
Messaggi: 938
Località: sicilia
i'm a: Boy
Come sempre ineccepibile nelle spiegazioni! Riesci a spiegare con incredibile faciltà argomenti di incredibile complessità! COmplimenti!
Ero sicuro che il cambiamento improvviso di marea derivasse dalle proprietà straordinarie dell'isola ma non riuscivo a capire in che modo esse potessero influenzare il mare!

Invece non mi è ancora molto chiara la questione della bussola anche se forse ho capito

Sayid, dopo avergli fatto vedere la bussola "difettosa" dice a Jack: " Una piccola anomalia magnetica puo' spiegare variazioni di 2 o 3 gradi ma non questo..." allora come si spiega??

forse perchè sull'isola non c'è una "piccola" anomalia magnetica... ma una grande anomalia magnetica! Quindi si puo' spiegare benissimo il "difetto" della bussola!

dovrebbe essere questa la spiegazione della bussola difettosa no?! :scrn:


Immagine


I LOVE LOST
Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Episodi 1x12 - 1x13 - 1x14
MessaggioInviato: lun giu 29, 2009 11:41 am 
Parlo con Jacob
Parlo con Jacob
Avatar utente
Non connesso

Iscritto il: dom set 02, 2007 1:25 pm
Messaggi: 3173
i'm a: Boy
Sì Jack, è proprio questo.
Sull'isola non c'è una piccola anomalia magnetica, ma l'anomalia è gigantesca, tanto da permettere i viaggi nello spazio-tempo. :;)2:


"Non ditemi che non lo posso fare!"

Immagine

Ille qui nos omnes servabit
Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Episodi 1x12 - 1x13 - 1x14
MessaggioInviato: lun giu 29, 2009 2:37 pm 
Tecnico Dharma
Tecnico Dharma
Avatar utente
Non connesso

Iscritto il: sab feb 23, 2008 12:16 am
Messaggi: 624
Località: Succo d'arancia che viaggia nel tempo
i'm a: Boy
Rivedere queste puntate è sempre un piacere, e anche dopo l'ennesima visione c'è sempre qualche piccolo dettaglio che inizialmente sembrava di poco conto e che ora, arrivati alle porte dell'ultima stagione, sembra avere dei collegamenti con i capitoli successivi.

Riguardo agli episodi è stato detto praticamente tutto, grazie agli ottimi commenti di tutti quanti che si dimostrano essere indiscutibili fan di LOST che vanno oltre la semplice narrazione e che riescono a leggere tra le righe, collegarsi con altre puntate e magari con temi esterni alla mitologia dell'Isola, che siano letteratura o fisica.


Whatever the Case May Be
Puntata dedicata a Kate, in cui viene aggiunto un altro piccolo tassello alla sua storia. Nel flashback la vediamo vittima apparente di una rapina, salvo poi rivelarsi colei che ha ideato il colpo. Fa di tutto per ottenere un oggetto, un piccolo aeroplanino, appartenuto all'uomo che amava, o meglio, l'uomo che ha ucciso, come dice a fine puntata a Jack. E' interessante questa frase che è anche la stessa usata da Sayid nel momento in cui Rousseau gli chiede chi è la ragazza nella foto. (Nadia)

I personaggi sull'Isola sono costretti a rivivere il loro passato in questo percorso di redenzione intrapreso quando il 22 settembre 2004 hanno tutti ottenuto una nuova vita sull'Isola. Tabula Rasa.

Hearts and Minds
L'episodio numero 13 ci porta nel passato di Boone e Shannon. Il primo si rivela essere un fratello possessivo, pronto a fare di tutto per salvare la sorellastra indifesa, mentre lei approfitta di questa bontà per ottenere ciò che vuole (in questo caso soldi di un'eredità di cui lei non può far parte).
Boone è innamorato di lei, e non ne può fare a meno, anche di fronte all'ennesimo caso di sfruttamento nei suoi confronti da parte della sorella (la scena incestuosa di fine episodio).

Locke nota questa relazione quasi morbosa, e con una pratica decadente, attraverso l'uso di una droga speciale, fa vivere a Boone un'esperienza unica in cui vede la sorella morire. E quando John gli chiede come si è sentito, lui risponde "relieve", sollevato.

John Locke permette ad un altro personaggio di crescere e di far capire il potere di quest'Isola dove a tutti è stata data una seconda chance per ripartire da zero.

Special
Rapporto padre figlio. Uno dei temi principali di LOST e probabilmente di tutta la letteratura mondiale. Da Kafka a Svevo, fino a questo episodio Walt/Michael centrico (e anche Jack e Christian nelle puntate precedenti) questo argomento ha sempre permesso al lettore o allo spettatore di immedesimarsi di più nella storia e di sentire più vicini i personaggi.

Micheal si vede portare via il figlio da una moglie che vuole offrigli qualcosa di meglio. L'Isola gli offre la possibilità di recuperare il tempo perso, di avvicinarsi al figlio e di estirpare quel luogo comune di padre autoritario e minaccioso.

Ovviamente c'è bisogno di una prova da superare. L'Isola pone degli ostacoli.
Walt, arrabbiato perché il padre non lo lascia stare un po' con Locke, si rifugia nella giungla e qui viene aggredito da un orso polare.
Michael, nel vedere che il figlio non c'è, corre da John, sicuro di trovarlo lì. Ma non c'è. Si trova costretto a collaborare con una persona a cui poco prima avevo giurato che l'avrebbe uccisa se avesse ancora "importunato" il figlio.
Insieme trovano Walt e lo salvano. Questo avvenimento permette ai due di avvicinarsi, di trascorrere insieme quel tempo portatogli via anni prima.

Una grandissima storia di persone LOST, perché su quest'Isola magica con un mostro e gente che comunica attraverso sussurri, l'elemento che ci fa amare questa serie è la facilità con cui possiamo immedesimarci nei personaggi. Ognuno di loro ha avuto problemi nella vita, problemi che tutti noi abbiamo vissuto. Da Jack a Locke, c'è sempre qualche piccolo elemento che sentiamo nostro e che, insieme ai protagonisti della serie, ci rende parte di questo incredibile racconto


That's what she said
Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Episodi 1x12 - 1x13 - 1x14
MessaggioInviato: lun giu 29, 2009 3:09 pm 
Parlo con Jacob
Parlo con Jacob
Avatar utente
Non connesso

Iscritto il: lun mar 24, 2008 5:03 pm
Messaggi: 1430
Località: Arezzo
i'm a: Boy
AnaLucia ha scritto
Nel Flashback, quando Boone va a denunciare alla polizia del fidanzato di Shannon, quell'uomo che viene trascinato nel commissariato, è per caso Sawyer

Si è proprio lui. :;)2:

Mi soffermo soprattutto sulla 1x13 dove emerge ancora la figura di John Locke. La sua totale convinzione in un destino, la sua fede assoluta, sono anche di sicuro la sua rovina, sono croce e delizia, che come sappiamo lo rendono manipolabile, il più manipolabile fra tutti i Losties. Basta vedere che è proprio di lui e della sua figura che l’antagonista di Jacob si appropria nella quinta stagione. Comunque anche se il suo atteggiamento verso Boone (e in più in generale nella prima stagione) può fare impressione per la sicurezza e la determinazione con il quale si manifesta, credo che Locke sia in buona fede e ,nel caso specifico, volesse realmente aiutare Boone dal liberarsi del rapporto pesante e di subordinazione con la sorella. Certo è anche vero che poi in più occasioni lo sfrutterà (vedi beechcraft, anche se John effettivamente era impossibilitato), ma secondo me lo fa perché ha la profonda convinzione di agire nel modo giusto.
Boone invece dimostra come ogni personaggio ha un suo destino che difficilmente si può cambiare, usato da Shannon fuori dall’isola, usato da Locke sull’isola…


Immagine + Immagine + Immagine = Immagine

"Do you think we crashed on this place by coincidence?" "It's destiny"
Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Episodi 1x12 - 1x13 - 1x14
MessaggioInviato: lun giu 29, 2009 4:24 pm 
Tecnico Dharma
Tecnico Dharma
Avatar utente
Non connesso

Iscritto il: sab feb 23, 2008 12:16 am
Messaggi: 624
Località: Succo d'arancia che viaggia nel tempo
i'm a: Boy
E' interessante anche come nell'episodio quattordici ci sia un chiaro esempio dei poteri di Walt. Oltre all'apparizione dell'orso polare in seguito alla lettura del fumetto, c'è anche lo schianto del volatile australiano sulla finestra con il viso sconvolto del padre adottivo di Walt.

In uno dei mobisodes usciti l'anno scorso prima della quarta stagione c'è un'interessante discussione tra Juliet e Ben riguardo a Walt e ai suoi poteri.
E' chiaro che sia un personaggio ancora da esplorare a fondo e che forse avrà qualche ruolo chiave nell'ultima stagione.




That's what she said
Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Episodi 1x12 - 1x13 - 1x14
MessaggioInviato: lun giu 29, 2009 8:15 pm 
Superstite
Superstite
Avatar utente
Non connesso

Iscritto il: dom feb 08, 2009 1:52 pm
Messaggi: 146
Località: Milano
i'm a: Boy
Algol ha scritto
La diffusione della luce sull'isola non è normale, come fa notare Daniel Faraday al suo esordio in quarta stagione: solo in presenza di deformazioni spazio-temporali la luce non segue la consueta traiettoria rettilinea, bensì percorre quelle linee note come "geodetiche", che rappresentano cioè il minimo potenziale della deformazione stessa, le traiettorie più "brevi" e più "facili" per esprimere il fenomeno in parole comprensibili.


Mi chiedo, ma non chiedo a te – sarebbe troppo - perché mi rendo conto che la scienza non può, del tutto, spiegare un contesto come quello Lostiano. Come sia possibile l’affascinante affermazione di Faraday.

Mi spiego. Sono rimasto stregato dall’affermazione di Faraday sulla luce. Ma non riesco a capire come un fotone o più fotoni che seguono una geodetica diversa da quella ottima, potrebbero essere percepiti come sensibilmente differenti da un occhio umano.

Un fenomeno di diffrazione legato ai campi elettromagnetici dell’isola? Un’interazione che cambia la saturazione dei colori, come attraverso una polarizzatore di luce? Una propagazione in salita o in discesa come indicava qualcuno (in modo geniale) parlando della cultura rabbinica?

Insomma, un fotone è un fotone e finito il suo percorso su qualsivoglia geodetica, annichilisce la rodopsina dei recettori della retina come un fotone non condizionato da fenomeni strani.

Paradossalmente, Faraday è l’unico a vedere la luce come strana, ad avere questa particolare sensazione. D’altra parte non ci sono fenomeni tipo l’aurora boreale sull’isola. Se la luce fosse realmente condizionata dal campo dell’isola non dovrebbe presentare fenomeni macroscopici? Cioè non solo percepibili da un singolo individuo ma collettivamente condivisibili?

L’esperienza di Faraday è condivisibile?

Credo di no, ma ritengo che gli Autori abbiano lavorato molto bene anche su questo fronte. Non è un segreto che hanno distinto la “tavolozza dei colori” dell’isola da quella del mondo esterno.

La tavolozza dell’isola ha la preponderanza di colori ispirati al blu e al verde, la tavolozza esterna consente invece il “range” complementare, che giustamente esclude le tonalità del verde e del blu.

Le immagini dell’isola si infiammano di colori caldi solo all’ora del tramonto e nei momenti di rilevanza emotiva; il resto del mondo è trattato con una “tavolozza” cangiante che evolve di momento in momento.

Quando noto concetti di questo spessore, rimango annichilito dal loro acume, dalla loro destrezza. Come hanno fatto ad essere così “presenti” nel contesto dell’evoluzione del pensiero e della conoscenza? Come hanno fatto ad essere così abili da affascinare un pubblico complesso? Senza mai peraltro essere invasivi o noiosi?

La maratona mi sta aprendo orizzonti che sapevo esistere, ma non credevo che avrei ancora trovato elementi per cui vale la pena di spendere parole. E invece, eccomi qui, sempre più coinvolto e sempre più attivo per capire, riflettere ed evolvere. Nel contempo mi chiedo se mai avrò la fortuna, in futuro, di rivedere qualcosa di così articolato e complesso. Se mai sarà possibile, per il tempo che mi rimane, di vivere un’esperienza così appagante.
:ciao:
Deep...
Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Episodi 1x12 - 1x13 - 1x14
MessaggioInviato: mar giu 30, 2009 1:08 am 
Tecnico Dharma
Tecnico Dharma
Avatar utente
Non connesso

Iscritto il: sab feb 23, 2008 12:16 am
Messaggi: 624
Località: Succo d'arancia che viaggia nel tempo
i'm a: Boy
Ecco un regalino per Algol:

http://images1.wikia.nocookie.net/lostp ... 's_Map.jpg


That's what she said
Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Episodi 1x12 - 1x13 - 1x14
MessaggioInviato: mar giu 30, 2009 3:05 pm 
Premo Execute
Premo Execute
Avatar utente
Non connesso

Iscritto il: gio apr 17, 2008 3:38 pm
Messaggi: 539
Località: Bologna
i'm a: Girl
1x12:

Se non avessimo visto come sono diventati, direi che Kate, Jack e Sawyer, in questo episodio hanno dato davvero il peggio di sé…
Nelle altre occasioni (tante) in cui avevo guardato “la valigetta”, non mi ero mai soffermata sul fatto che Kate, dopo aver risposto “di getto” a Sawyer che la valigetta era sua, poi lo nega.

Perché Kate mente? Mente perché Sawyer dimostra una strafottenza che la indispone? Oppure perché non vuole rivelare i suoi sentimenti temendo di scoprire la sua fragilità ed essere derisa? O forse mente perché ripensa a quello che di atroce aveva fatto alla banca per riprendersi quell’aeroplanino, oppure perché non vuole che Sawyer veda le pistole? O semplicemente mente perché è abituata fin da piccola a mentire?

Sta di fatto che, almeno in questi primi episodi, Kate si difende mentendo. Adesso bisogna capire quanto i suoi due uomini abbiano contribuito a farla comportare così, visto che non c’è dubbio che Sawyer la sfida e che Jack non si fida. Basta questo per mentire? Forse no, ma conoscendo il suo “dopo”, adesso possiamo provare a capire anche il "prima”; possiamo capire perché, dopo essere andati via dall’isola, i losties sono costretti a tornare indietro, come se andare avanti e quindi migliorare se stessi ed evolvere, non possa prescindere dal tornare indietro.

E allora "questa" Kate dà il peggio di sé, ma Sawyer e Jack non sono da meno: il primo perché non è abituato a trattare le donne alla pari e non resiste a non sfidarle e Jack… beh Jack qui non mi è piaciuto per niente, perché anche se Kate si è comportata male, mentendo, un po’ di comprensione l’avrebbe pure potuta dimostrare quando l’ha vista piangere, soprattutto dopo aver visto quell’aeroplanino e sentito la confessione di Kate su Tom. Ha avuto due possibilità di mostrarle solidarietà: quando lei ha pianto e quando poi l’ha vista da sola a meditare sui suoi sbagli e in tutti e due i casi non ha avuto un moto di pietà…

In fondo, lei si era confidata con lui sul suo passato, perché Jack ha questo modo rassicurante di fare… Infatti, è Jack che ispira fiducia, non certo Sawyer… E invece, niente. Poi, vabbè, si è fatto venire i soliti sensi di colpa, ma a che serve? E soprattutto “a chi?”. Non certo a Kate.

Almeno Sawyer, se fosse stato lì vicino a Kate, l’avrebbe consolata, anche se si erano scannati fino ad un attimo prima… Sawyer l’avrebbe abbracciata e tranquillizzata così come ha fatto quando è morta Libby… Jack non è riuscito a dimenticare se stesso e il suo orgoglio ferito nemmeno per un attimo; non è riuscito a non fare “il capo” in un’occasione in cui non serviva affatto.

Insomma, li preferisco ora... più umani, più sinceri e soprattutto più veri. Tornare sull'isola è servito.

1x13:

Mi piace sempre rivedere il sistema di Locke di “svincolare” Boone dalla sorella; l’induzione del sogno ed il particolare simbolico delle “corde” mi ha sempre affascinato; il simbolo qui è schiacciante; lo hanno usato anche per Juliet, solo che lì erano catene.

Ora mi chiedo, se c’era un disegno a monte nel “riunire” i losties, perché sono stati scelti Boone e Shannon? E’ proprio il loro “essere dipendenti” l’uno dall’altro e poi il riuscire a staccarsi che ha permesso il “compiersi” di qualcosa? Il loro “sacrificio” (perché muoiono entrambi) era già stato visto prima? e da chi?
Forse Boon doveva essere sacrificato, magari per far nascere Aaron? Oddio, forse sto delirando… ma allora perché trascinare Boone in quell’avventura, nella quale non sarebbe sicuramente finito se non per “liberarsi” dalla sorella, ma soprattutto perché farlo morire in una morte così apparentemente senza senso?
E’ vero che poi Locke si è pentito di averlo coinvolto, però non ha perso l’intima convinzione che quel sacrificio fosse necessario. Chi era davvero John Locke in quella circostanza? Ed in cosa l’uno condiziona la vita di tutti gli altri in questo “viaggio” sull’Isola? Sono queste le “connections” di cui abbiamo parlato un po’ di tempo fa?

1x14

Penso che Michael, tra tutti i padri della storia, sia ammirevole. Se si può pensare che non si sia comportato proprio bene bene non facendosi più vivo con Walt, poi ha tentato di recuperare il rapporto, anche vincendo le sue gelosie nei confronti di Locke. Sì, non lo metterei proprio tra i "padri Saturno"... Lui, dopo essere tornato in contatto con Walt, non l'ha mai perso di vista.
:bye1:


"E tutto insieme, tutte le voci
tutte le mete, tutti i desideri,
tutti i dolori, tutta la gioia, tutto il bene e il male
tutto insieme era il mondo.
Tutto insieme era il fiume del divenire,
era la musica della vita".
~ Hermann Hesse - Siddharta ~

Grazie LOST !
Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Episodi 1x12 - 1x13 - 1x14
MessaggioInviato: mar giu 30, 2009 8:43 pm 
Parlo con Jacob
Parlo con Jacob
Avatar utente
Non connesso

Iscritto il: lun set 03, 2007 8:40 pm
Messaggi: 1341
Località: nei meandri di milano
i'm a: Boy
Bel post melusina! :;)2: secondo me john pensava che per entrare nella botola, per aprire la propria mente all isola boone doveva liberarsi di qualsiasi condizionamento fisico e mentale.
non so se è stata davvero l isola a volere che non ce la facesse, ma john non riteneva boone pronto per affrontare una simila prova. credo che semmai fossero riusciti ad aprire la botola avrebbe escogitato qualcosa per non farlo entrare.
ricordate quando walt dirà a john di non aprire la botola? forse ha visto l'implosione.....
e ora che ci penso, aveva visto john su una spiaggia dell isola circondato da persone che volevano fargli del male, anni dopo.
strano che non abbia mai sognato suo padre...


Immagine
Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 33 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4  Prossimo

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Vai a:  
cron
Dharma Beer  SOLO-LOST.NET non e' in alcun modo ufficialmente collegato o affiliato ai creatori del telefilm Lost e alla Abc  
 Questo forum utilizza la Creative Commons License  
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group.
Traduzione Italiana phpBB.it
phpBB SEO. Sniper_Blue style for phpBB3 RC1 by Sniper_E
Google