SOLO-LOST.NET
Forum dedicato alla serie TV Lost
* Login   * Iscriviti

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite



Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 33 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3, 4  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: I giochi in LOST
MessaggioInviato: gio nov 20, 2008 4:00 pm 
Premo Execute
Premo Execute
Avatar utente
Non connesso

Iscritto il: gio apr 17, 2008 3:38 pm
Messaggi: 539
Località: Bologna
i'm a: Girl
Ho aperto questo topic per approfondire la tematica sul gioco che incontriamo in LOST, molto presente nella serie, fin dalla prima stagione.

Abbiamo visto i losties giocare a backgammon, poker, golf, forza 4, scacchi, risiko, ping pong, horse ecc. ma al di là dello scopo di questi giochi, basato essenzialmente sul chi vince e chi perde, mi sembra che soprattutto negli scacchi e nel backgammon si possa leggere qualcosa di più di una semplice gara, per lo meno a livello simbolico.

Comincio con gli scacchi, partendo con un’immagine e mi scuso con voi perché lo studio è un po’ lunghetto… ho cercato comunque di ridurlo all’osso, conservando solo quello che mi sembrava interessante:

Immagine


Il gioco degli scacchi è originario dell’India. Si compone di 16 pezzi bianchi e 16 neri che devono muoversi su una tavola quadrata detta “scacchiera”, divisa in 64 caselle, anch’esse in bianco e nero, organizzate in 8 righe ed 8 colonne.

L’Occidente medievale lo ha conosciuto grazie alla mediazione dei Persiani e degli Arabi, come testimonia fra l’altro l’espressione “scacco matto” derivante dal persiano shah (re) e dall’arabo mat (è morto).

Nella posizione iniziale dei pezzi, l’antico modello strategico resta evidente; vi si riconoscono le due armate disposte nell’ordine di battaglia in uso presso gli eserciti dell’antico Oriente: le truppe leggere, rappresentate dai pedoni, formano la prima linea, mentre il grosso dell’armata è costituito dalle truppe pesanti, i carri da guerra (le torri), i cavalieri (i cavalli) e gli elefanti da combattimento che furono poi sostituiti dagli alfieri; il re e la sua regina si trovano al centro delle truppe.

La forma della scacchiera corrisponde al tipo classico del cosiddetto “Vastu-mandala”, il diagramma indiano che costituiva anche lo schema di riferimento quando si dovevano costruire un tempio o una città.


Immagine



La più antica descrizione del gioco degli scacchi che sia giunta fino a noi si trova nelle “Praterie d’Oro” dello storico arabo al-Mas’udi, vissuto a Baghdad nel IX secolo: “Gli Indiani, scrive, attribuiscono un misterioso significato alla progressione geometrica effettuata sulle caselle della scacchiera; essi stabiliscono un rapporto fra la causa prima, a cui tutto fa capo, e la somma del quadrato delle caselle della scacchiera.”
Se il mondo sensibile risulta in qualche modo dalla moltiplicazione delle qualità inerenti allo spazio e di quelle del tempo, il “Vastu-mandala”, dal canto suo, deriva dalla divisione del tempo secondo lo spazio.
E’ dunque il riflesso inverso della sintesi principale dello spazio e del tempo.

Il simbolismo ciclico della scacchiera consiste nel fatto che essa esprime lo sviluppo dello spazio secondo il quaternario e l’ottonario delle direzioni principali (4×4x4=8×8); d’altra parte, il numero 64, somma delle caselle della scacchiera, è un sottomultiplo del numero ciclico fondamentale 25920, che misura la processione degli equinozi.

Ma è soprattutto la tematica degli opposti a cui punta il simbolismo del gioco. Le caselle della scacchiera rappresentano gli eventi della vita, percepiti attraverso un principio dualistico e cioè l’uomo percepisce dualisticamente non solo l’ambiente, ma sé stesso e la propria psiche.
L’alternarsi del bianco e del nero è l’oscillazione del pendolo tra due opposti: maschile e femminile, positivo e negativo, luce ed ombra, materia e spirito, bene e male, conscio ed inconscio, vita e morte e così via, secondo un’alternanza che si ritrova nell’esperienza umana.

La battaglia raffigurata sulla scacchiera rappresenta quella di due veri e propri eserciti, ciascuno dei quali combatte in nome di un principio che considera “luce” contro “l’oscurità” del principio dell’avversario, e cioè come in una guerra santa, è possibile che ciascuno dei due avversari possa legittimamente considerarsi il protagonista della lotta della Luce contro l’Oscurità. E’ questa un’altra conseguenza del duplice senso di ogni simbolo: quello che per l’uno è espressione del bene, può essere l’immagine del male agli occhi dell’altro.

Immagine



Ma nessun gioco come quello degli scacchi illustra innanzitutto la relazione tra destino e libero arbitrio: ad ogni fase del gioco, il giocatore è libero di scegliere fra varie possibilità, ma deve essere consapevole che ogni mossa comporterà una serie di conseguenze ineluttabili; è per questo che la fine del gioco non rappresenterà il frutto del caso, bensì il risultato di leggi rigorose, basate sul fatto che ad una tale mossa, ne seguirà obbligatoriamente un’altra ed una soltanto. Così, da come si dispiegheranno via via le mosse sulla scacchiera (e le possibilità variano da 0 a 218), si formerà un tracciato quasi obbligato e che in un certo modo influenzerà e forzerà il percorso del gioco stesso.

E’ per questo che il gioco non è solo il simbolo dello scontro tra libero arbitrio e destino, ma anche del rapporto fra libertà e conoscenza: il giocatore manterrà la propria libertà d’azione nella misura in cui sarà tanto abile da prevedere le mosse dell’avversario, ma anche intuire dove lo porteranno le proprie mosse, così come è l’esperienza dell’uomo, che è tanto più libero quanto più conosce gli altri, ma soprattutto se stesso”.

http://www.centrostudilaruna.it/burckha ... acchi.html
http://www.esonet.it/index.html


E allora, a parte i riferimenti al rapporto spazio-tempo, nonché il ricorrere del numero 8, il simbolismo principale degli scacchi si concentra soprattutto sulla contrapposizione degli opposti: la lotta tra il bene e il male, il contrasto tra destino e libero arbitrio, tra scienza e fede, che sono una parte essenziale della filosofia di LOST.

A mio avviso, però, oltre alle tematica degli opposti, gli scacchi aggiungono qualcosa in più: e cioè, non solo che ad una mossa ne segue obbligatoriamente un’altra, per cui dall’azione singola a cascata ne scaturirà un’altra, tipo “effetto domino”, ma soprattutto che, come in una guerra santa, entrambi gli avversari possono considerarsi “luce/bene” ed attribuire senza esitazione all’altro il valore di “oscurità/male”.

Nel primo caso, LOST è piena di riferimenti ad azioni che scaturiscono a catena l’una dall’altra; ad esempio: Jack che chiamando i soccorsi scatena una serie di conseguenze inevitabili e drammatiche; oppure Ben che uccidendo Keamy, è consapevole che metterà in pericolo quelli sulla nave.

Per quanto riguarda invece il simbolismo della guerra santa, siamo proprio sicuri che tra Widmore e Ben, sia Widmore il bad ”guy”?… Mi ricordo che in “Cambio delle regole”, Ben andava a trovare Widmore vestito di nero, mentre quello aveva una camicia bianca. Solo frutto del caso o c’era di più?


E infine un’altra cosa: sarebbe interessante capire perchè la conversazione tra Hurley e Abaddon nella prima puntata della 4 avviene di fronte ad una scacchiera e perché, nell’ultima puntata, sempre Hurley sta nuovamente giocando una partita a scacchi con Mr. Eko, al quale dichiara “scacco matto”. In che modo può entrarci Mr. Eko che è morto? O ci entra proprio perché è morto e, se si torna indietro nel tempo, lui può “rientrare in gioco” e magari comportarsi diversamente e pentirsi degli omicidi compiuti?



Ma questa poi mi ha lasciato così: :shock: :shock: :shock: Lostpedia riporta che "MacCutcheon" è il nome dello Scotch così caro a Widmore, ma è anche il nome di una variante dell'apertura di scacchi con “difesa alla francese” :shock: :shock: :shock:

Magari se qualcuno sa giocare a scacchi, ce la può spiegare :roll: .


Mi fermo qua e ringrazio chi mi ha letto fin qui. Spero proprio che lo studio vi sia piaciuto e di non aver galoppato troppo con la fantasia...
Il Backgammon alla prossima. :bye1:


"E tutto insieme, tutte le voci
tutte le mete, tutti i desideri,
tutti i dolori, tutta la gioia, tutto il bene e il male
tutto insieme era il mondo.
Tutto insieme era il fiume del divenire,
era la musica della vita".
~ Hermann Hesse - Siddharta ~

Grazie LOST !
Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: I giochi in LOST
MessaggioInviato: gio nov 20, 2008 4:24 pm 
Moderatore
Moderatore
Avatar utente
Non connesso

Iscritto il: ven lug 20, 2007 9:20 am
Messaggi: 6450
i'm a: Boy
Melusina tu mi stupisci! non avevo neanche minimamente calcolato anche i giochi sull'isola :pinc:


Immagine

Jack: Sono passati 6 giorni è ancora stiamo aspettando. Aspettando che arrivi qualcuno. E' se non arriva nessuno? Dobbiamo smettere di aspettare. Dobbiamo sistemare le cose da noi. Una donna è morta stamattina dopo essere andata a nuotare. Lui ha tentato di salvarla e voi lo linciate? Non possiamo fare cosi, il proverbio "ognuno pensi per se" qui non vale niente. E' ora che ci organizziamo. Dobbiamo capire come si sopravvive qui. Ho trovato dell'acqua potabile nella valle. All'alba vi condurrò un gruppo. Se non volete venire trovate un'altro modo per contribuire. La settimana scorsa non ci conoscevamo. Ma ora siamo in questo posto, e Dio solo sa quando dovremo restarci. Ma se non possiamo vivere insieme... moriremo da soli.
Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: I giochi in LOST
MessaggioInviato: gio nov 20, 2008 9:29 pm 
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Avatar utente
Non connesso

Iscritto il: mar feb 26, 2008 1:12 am
Messaggi: 1366
i'm a: Boy
Un bellissimo argomento, complimenti Melusina! :pm:
Riesci ad unire la tua passione per LOST con i tuoi apprezzabilissimi studi sulla simbologia, ovunque presente in questa serie, tanto da rappresentare un filo conduttore che ci accompagna fin dal Pilot (vedi il backgammon di Locke...).

I giochi in Lost: mi piace la tua idea che non siano stati scelti a caso ma che possano essere un messaggio simbolico che si cela puntata dopo puntata.

Cita
Ma è soprattutto la tematica degli opposti a cui punta il simbolismo del gioco. Le caselle della scacchiera rappresentano gli eventi della vita, percepiti attraverso un principio dualistico e cioè l’uomo percepisce dualisticamente non solo l’ambiente, ma sé stesso e la propria psiche.
L’alternarsi del bianco e del nero è l’oscillazione del pendolo tra due opposti: maschile e femminile, positivo e negativo, luce ed ombra, materia e spirito, bene e male, conscio ed inconscio, vita e morte e così via, secondo un’alternanza che si ritrova nell’esperienza umana.



La tematica degli opposti, una colonna portante della serie, la chiave di volta per l'interpretazione dei sentimenti, delle emozioni che i personaggi provano dentro e fuori dall'isola stessa. La stessa isola tutta ha un forte significato simbolico.

Visto che questa sezione è aperta a tutti gli utenti e visto che la quarta stagione è stata già trasmessa sulla RAI, penso che si possa liberamente citare riferimenti all'ultima season appena trasmessa... anche perchè quello che hai scritto è di fondamentale importanza, lo riporto qui senza tag spoiler (mettiamo sotto tag solo gli eventuali riferimenti alla quinta serie):

melusina ha scritto
Per quanto riguarda invece il simbolismo della guerra santa, siamo proprio sicuri che tra Widmore e Ben, sia Widmore il bad ”guy”?… Mi ricordo che in “Cambio delle regole”, Ben andava a trovare Widmore vestito di nero, mentre quello aveva una camicia bianca. Solo frutto del caso o c’era di più?

:scrn: Interessante! Gli autori hanno dimostrato sin'ora che nulla è lasciato al caso... potresti davvero aver ragione!

melusina ha scritto
E infine un’altra cosa: sarebbe interessante capire perchè la conversazione tra Hurley e Abaddon nella prima puntata della 4 avviene di fronte ad una scacchiera e perché, nell’ultima puntata, sempre Hurley sta nuovamente giocando una partita a scacchi con Mr. Eko, al quale dichiara “scacco matto”. In che modo può entrarci Mr. Eko che è morto? O ci entra proprio perché è morto e, se si torna indietro nel tempo, lui può “rientrare in gioco” e magari comportarsi diversamente e pentirsi degli omicidi compiuti?


Hai ragione, Hugo gioca a scacchi nella prima e nell'ultima puntata! Non ci avevo fatto caso...

Bravissima melusina, non vedo l'ora di leggere la tua seconda puntata dedicata al Backgammon allora...
:bye1:


[allineacentro]Ciao Danny
Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: I giochi in LOST
MessaggioInviato: gio nov 20, 2008 9:35 pm 
Parlo con Jacob
Parlo con Jacob
Avatar utente
Non connesso

Iscritto il: lun mar 24, 2008 5:03 pm
Messaggi: 1430
Località: Arezzo
i'm a: Boy
Complimenti Melusina per la passione e la costanza che hai nell'effettuare le tue ricerche!! :piacere:


Immagine + Immagine + Immagine = Immagine

"Do you think we crashed on this place by coincidence?" "It's destiny"
Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: I giochi in LOST
MessaggioInviato: gio nov 20, 2008 9:54 pm 
Premo Execute
Premo Execute
Avatar utente
Non connesso

Iscritto il: gio apr 17, 2008 3:38 pm
Messaggi: 539
Località: Bologna
i'm a: Girl
Grazie a tutti ragazzi, sono felice che lo studio vi sia piaciuto! :gira: non c'è che dire...
LOST per me è una tale fonte di collegamenti e riferimenti simbolici che non riesco a non approfondire.

@Lampard: ti confesso che la cosa stupisce anche me... :hhe: sulle prime mi meravigliavo io stessa, adesso seguo l'onda... :gira:


"E tutto insieme, tutte le voci
tutte le mete, tutti i desideri,
tutti i dolori, tutta la gioia, tutto il bene e il male
tutto insieme era il mondo.
Tutto insieme era il fiume del divenire,
era la musica della vita".
~ Hermann Hesse - Siddharta ~

Grazie LOST !
Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: I giochi in LOST
MessaggioInviato: ven nov 21, 2008 2:44 am 
Parlo con Jacob
Parlo con Jacob
Avatar utente
Non connesso

Iscritto il: lun mar 10, 2008 8:07 pm
Messaggi: 1225
Località: Kansas City
i'm a: Boy
Caspita, complimenti Melusina! Penso che ormai siamo più avanti degli autori stessi!!! :shock:


Immagine
Qua è tutto un magna magna!
Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: I giochi in LOST
MessaggioInviato: ven nov 21, 2008 3:27 pm 
Premo Execute
Premo Execute
Avatar utente
Non connesso

Iscritto il: gio apr 17, 2008 3:38 pm
Messaggi: 539
Località: Bologna
i'm a: Girl
MACCARONE ha scritto
Caspita, complimenti Melusina! Penso che ormai siamo più avanti degli autori stessi!!! :shock:


Grazie Mac! Per me sono loro avantissimo... hanno conoscenze di tutto e penso che sono riusciti a creare un prodotto perfetto proprio per questo... se penso alle produzioni italiane mi viene da piangere :cry3:


"E tutto insieme, tutte le voci
tutte le mete, tutti i desideri,
tutti i dolori, tutta la gioia, tutto il bene e il male
tutto insieme era il mondo.
Tutto insieme era il fiume del divenire,
era la musica della vita".
~ Hermann Hesse - Siddharta ~

Grazie LOST !
Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: I giochi in LOST
MessaggioInviato: ven nov 21, 2008 5:45 pm 
Parlo con Jacob
Parlo con Jacob
Avatar utente
Non connesso

Iscritto il: lun mar 10, 2008 8:07 pm
Messaggi: 1225
Località: Kansas City
i'm a: Boy
Ma che scherzi? Vogliamo mettere Centovetrine con Lost? :ble: Sono tutte e due sci-fi. Lost è science fiction, 100vetrine è sciemence fiesson :mart:


Immagine
Qua è tutto un magna magna!
Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: I giochi in LOST
MessaggioInviato: ven nov 21, 2008 11:19 pm 
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Avatar utente
Non connesso

Iscritto il: mar feb 26, 2008 1:12 am
Messaggi: 1366
i'm a: Boy
L'approfondimento di Melusina mi ha fatto venire in mente un articolo che lessi un po' di tempo fa riguardo la simbologia in Lost e l'accostamento dell'isola al leggendario mondo di Agarthi (per dettagli si veda il topic Simboli antichi, Wormhole e i misteri dell'Isola).

In particolare in una delle tante ricerche su Web trovai questo particolare:

La capitale di Agharti è Shambhalla, la "Città di Smeraldo", spesso citata anche dai viaggiatori medievali e ricercata invano dall’esploratore svedese Sven Hedin. A Shambhalla risiedono il Re del Mondo e il Consiglio formato dai Superiori Sconosciuti. Questo consiglio è formato da dodici Savi, che sono degli Iniziati ai gradi più alti della conoscenza i quali, insieme al Re del Mondo, governano gli esseri umani, segretamente ma efficacemente, in un eterno gioco di scacchi contro il Male.

Tutto combacia! Ecco che ritroviamo la simbologia degli scacchi anche nel mito di Agarthi, di cui, grazie all'intuizione di Melusina, tanto si è parlato nel topic citato sopra.

Ritengo che queste ricerche siano preziosissime, soprattutto perché ci consentano di entrare sempre più in dettaglio nella fitta serie di apparenti coincidenze, veri e propri "giochi" e rompicapo a cui gli autori ci sottopongono!

:bye1:


[allineacentro]Ciao Danny
Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: I giochi in LOST
MessaggioInviato: sab nov 22, 2008 2:06 am 
Parlo con Jacob
Parlo con Jacob
Avatar utente
Non connesso

Iscritto il: lun mar 10, 2008 8:07 pm
Messaggi: 1225
Località: Kansas City
i'm a: Boy
E poi Shamballah è anche la canzone che fa da sottofondo ad un episodio con il flashback di Hugo da piccolo quando aggiusta la macchina con il padre....


Immagine
Qua è tutto un magna magna!
Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 33 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3, 4  Prossimo

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Vai a:  
cron
Dharma Beer  SOLO-LOST.NET non e' in alcun modo ufficialmente collegato o affiliato ai creatori del telefilm Lost e alla Abc  
 Questo forum utilizza la Creative Commons License  
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group.
Traduzione Italiana phpBB.it
phpBB SEO. Sniper_Blue style for phpBB3 RC1 by Sniper_E
Google